Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
martedì, 13 novembre 2018

Violenta la moglie
e le trasmette
la sieropositività

Il nastro rosso, simbolo della lotta contro l’Aids. ARCHIVIO

VICENZA. La procura ha chiesto il processo per un operaio ghanese di 39 anni che viveva nell’hinterland di Vicenza. L’imputato è accusato di violenza sessuale e di lesioni volontarie gravissime. L’africano, affetto da Aids, virus contratto in patria con una prostituta, avrebbe contagiato la moglie, una connazionale di 38 anni: l’avrebbe infatti costretta a subire dei rapporti sessuali non protetti contro la sua volontà, anzi picchiandola per non ricevere rifiuti. Quando lei ha scoperto di essere affetta da Hiv, ha sporto denuncia dando il via alle indagini dei carabinieri. Quando aveva saputo di essere indagato, però, l’operaio se n’era andato di casa, ed ora è irreperibile.