Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 18 ottobre 2018

Ricatto sessuale
a una minorenne
Impiegato nei guai

L'impiegato ha perseguitato la ragazza su Facebook

VICENZA. È iniziato tutto lo scorso maggio, quando un vicentino di 22 anni si è rivolto alla polizia perché si era accorto che qualcuno aveva di fatto "rubato" il suo profilo Facebook: ne aveva creato uno nuovo usando il suo nome, la sua foto e un cognome molto simile. Dopo pochi giorni la denuncia di una 17enne vicentina che proprio da questo profilo aveva ricevuto avances e minacce. Qualcuno aveva persino fatto un fotomontaggio usando il suo viso in un'immagine hard promettendo che l'avrebbe spedita a tutti i suoi amici se lei non avesse acconsentito ad avere rapporti sessuali. Quando la giovane lo ha bloccato sul social network l'uomo ha inziato a prendersela con sua madre e sua sorella, alla quale ha mandato video osceni. La polizia ha dato il via alle indagini ed è riuscita a rintracciarlo. Si tratta di un impiegato di 29 anni di Como che lavora a Lugano e che, già in passato, era finito in una maxi inchiesta anti-pedopornografia. Adesso deve rispondere di tentato adescamento di minore, accesso abusivo a sistemi informatici e atti persecutori.