CHIUDI
CHIUDI

09.12.2018

Porto d'armi
Ogni anno
3600 licenze

Ogni anno vengono rilasciate 3.600 licenze ai vicentini.
Ogni anno vengono rilasciate 3.600 licenze ai vicentini.

VICENZA. Con la pistola in camera da letto o il fucile in garage. Per protezione, sport, caccia o professione, basta che spari. Perché come è riecheggiato anche ieri in piazza del Popolo a Roma alle celebrazioni leghiste per i sei mesi del Governo giallo-verde, «la difesa è sempre legittima». Uno slogan che i vicentini hanno fatto loro da anni, armandosi con regolarità arrivando a formare, nel 2018, un esercito di 3.653 detentori di porto d’armi, cui si aggiungono i circa 500 vigilantes in servizio in città.

 

Migliaia di persone con “licenza di sparare” che, sulla carta, si traduce nella certificazione rilasciata dalla questura e dalla prefettura per caccia, sport, difesa personale e mestiere. Non significa, va precisato, che tutti questi vicentini siano in possesso di armi ma che potenzialmente potrebbero averle. 

 

Scendendo nel dettaglio, la maggior parte dei permessi, 2.421, sono a titolo “caccia”, 1.132 per motivi sportivi e 100 per difesa privata. Considerando solo i dati della questura aggiornati al 7 dicembre, ossia i 3.553 tesserini per caccia e sport, l’aumento rispetto allo scorso anno è stato di 131 unità, tenendo presente che la durata è pluriennale

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1