CHIUDI
CHIUDI

07.01.2019

Pestato e rapinato
dopo la preghiera
Preso l'aggressore

Le armi sequestrate dalla polizia
Le armi sequestrate dalla polizia

VICENZA. ore 14 È stato identificato e denunciato il responsabile della violenta rapina avvenuta sabato sera a San Pio X ai danni di un 43enne di Torri di Quartesolo. Si tratta di M.B., 26 anni, residente a Vicenza, volto già noto alle forze dell'ordine. Lo scorso ottobre, infatti, si era reso protagonista di un altro episodio controverso quando, all'esterno di una pizzeria in strada Casale, aveva esploso alcuni colpi in aria con una scacciacani.

 

Nel corso della perquisizione nell'abitazione del 26enne sono state ritrovate e sequestrate cinque repliche di pistole, quattro revolver e una semiautomatica, tutte prive del tappo rosso e idonee a sparare, oltre ad un centinaio di munizioni. Sempre in casa del giovane i poliziotti hanno trovato anche le chiavi dell'Opel Corsa rubata, che era stata parcheggiata in via Belli.

 

ore 6 Rapinato dopo un incontro di preghiera da uno sconosciuto che gli ha puntato una pistola, lo ha preso a botte ed è poi scappato con la sua automobile. È la disavventura capitata a San Pio X a un fedele, di 43 anni, che abita a Torri di Quartesolo.

L’inquietate episodio, che risale alla notte tra venerdì e sabato scorsi ma è stato reso noto solamente ieri, è stato segnalato alla questura. Che sta dando la caccia a un giovane, sulla ventina, con alcuni piercing e un accenno di barba.

Secondo la ricostruzione degli agenti delle volanti il malcapitato è uscito dal centro parrocchiale attorno alla mezzanotte. Il rapinatore, che aveva il volto scoperto, lo ha minacciato con un'arma da fuoco e gli ha ordinato di consegnargli i soldi. Dopodiché ha aperto la portiera, ha scaraventato la vittima per terra e si è allontanato al volante della Opel Corsa. 

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1