CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2017

Marcia dei 100 mila
Il Dal Molin
dieci anni dopo

VICENZA. La marcia dei centomila No alla base americana compie dieci anni. Il 17 febbraio 2007 era un sabato di sole pallido, iniziato con il ronzio degli elicotteri della polizia sul cielo di Vicenza e finito con il comizio show del premio Nobel Dario Fo a Campo Marzo. La protesta era stata annunciata un mese prima, nel day after dell’editto di Bucarest con cui l’allora premier Romano Prodi spense le speranze dei No Dal Molin e accese il semaforo verde al progetto a stelle e strisce. La vigilia, mentre fioccavano adesioni da tutta Italia, era stata agitata dagli spettri di un nuovo G8: molti, nella giunta di centrodestra guidata da Enrico Hüllweck, temevano che la città sarebbe stata trasformata nel palcoscenico di tensioni generate da protagonisti e battaglie ideologiche che con Vicenza avevano poco a che fare. Tutti i timori furono smentiti da una grande prova di maturità del movimento vicentino e dalla strategia del “controllo invisibile” orchestrata dal questore dell’epoca, quel Dario Rotondi oggi assessore alla sicurezza nella giunta di Achille Variati.

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1