CHIUDI
CHIUDI

04.02.2018

Maestro divide
il mondo in razze
Polemica a scuola

L'esercizio che ha suscitato polemiche
L'esercizio che ha suscitato polemiche

VICENZA. «Europa: razza bianca. Africa: razza nera. Asia: razza gialla». Sono le distinzioni che i genitori di alcuni alunni della scuola elementare Da Porto hanno notato nei quaderni dei propri figli. Contenuti scritti dagli stessi bambini per una sorta di esercizio durante l’ora di religione. Le frasi hanno lasciato di stucco molti papà e mamme, i quali hanno dato vita ad un vivace dibattito su WhatsApp. «Il concetto di razza è superato e scientificamente non valido - è stato il nodo sollevato da alcuni genitori, stupiti e indignati  -. Durante l’ora di religione, poi, bisognerebbe insegnare che i bambini sono tutti uguali». «Sono d’accordo, non si può usare il termine “razza” - sottolinea la dirigente scolastica dell'Istituto comprensivo 5, di cui la primaria fa parte -, ma credo sia stata una semplificazione rivolta agli alunni. Non ci ricamerei sopra discorsi ideologici». 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1