CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.08.2018

Guida l’automobile sotto sequestro Multa da 4 mila euro

Controlli dei carabinieri
Controlli dei carabinieri

Se ne andava tranquillamente a spasso per le strade dell’Area Berica con l’auto di proprietà, con il non trascurabile particolare che il veicolo un anno fa era stato posto sotto sequestro amministrativo e quindi non poteva guidarlo. Fermato dai carabinieri, oltre a dire addio al veicolo, è stato denunciato e sanzionato con una maxi multa. E’ successo lunedì scorso quando i militari della Stazione di Longare, nel corso di un normale controllo alla circolazione stradale, hanno fermato M.K.N., 58enne di nazionalità iraniana, residente a Ischia di Castro, in provincia di Viterbo. Nel corso degli accertamenti svolti, la pattuglia ha appurato che la Renault Scenic su cui viaggiava l’uomo nel luglio del 2017 era stata sottoposta a sequestro amministrativo per violazioni al codice della strada da parte della polizia locale di Venezia. L’auto era poi stata affidata in custodia con l’apposizione dei prescritti sigilli al 58enne. M.K.N., noncurante degli obblighi che gravavano sul mezzo e senza richiederne l’autorizzazione, s’era rimesso al volante del veicolo che, per tale motivo, è stato nuovamente sottoposto a sequestro amministrativo ma questa volta affidato ad un deposito autorizzato. L’iraniano è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Vicenza per sottrazione di cose sottoposte a sequestro e violazione di sigilli. L’uomo, inoltre, è stato sanzionato per una serie di violazioni al codice della strada per un totale di 3.883 euro. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

G.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1