CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.06.2018

La nuova scuola
"democratica"
si fa nella natura

La sede della scuola "democratica"
La sede della scuola "democratica"

VICENZA. In principio fu l'istitutore, figura deputata, nelle famiglie nobili e benestanti, all'educazione ed erudizione dei bambini. Poi, affiancandosi all'istruzione offerta dalla Chiesa, venne la scuola pubblica, obbligatoria e gratuita.

Ora, intercettando una tendenza pedagogica forse non così distante dal metodo montessoriano che pone il bambino al centro, l'ultima frontiera dell'insegnamento si chiama "scuola democratica" o "apprendimento agile".Quello che, per i piccoli in età scolare dai 6 ai 14 anni, elementari e medie, può svolgersi al di fuori delle classiche pareti delle aule, magari tra gli alberi di un bosco, non mandando a memoria le tabelline ma imparando la matematica contando le pile di fette biscottate all'ora della merenda.

 

Un vero e proprio sogno, per la maggior parte degli scolari, divenuto realtà per una ventina di alunni. I loro genitori hanno infatti scelto di farli studiare con un indirizzo "parentale", frequentano la "Flow Alc", la prima scuola democratica di Vicenza, nata nel 2015 e aperta dapprima in città per poi, dallo scorso anno, trasferirsi nello scenario collinare di via Vigo a Sovizzo.

 

Nella pratica, infatti, la scuola - dove i bimbi trascorrono le giornate costruendo bussole e robot, passeggiando in mezzo alla natura, leggendo, suonando la chitarra - non è propriamente un'istituzione scolastica ma un collettore per quelle famiglie che optano per l'educazione parentale, "in casa", si sarebbe detto un tempo.

Senza la pressione e la tabella di marcia dettata dalle linee guida ministeriali e dai Pof (Piani dell'offerta formativa) che ogni istituto scolastico adotta, gli alunni della "Flow" (citando la pagina il sito web dell'istituzione) «crescono ognuno al proprio ritmo».

La "Flow" può essere considerata davvero una novità assoluta nel panorama educativo Vicentino, tanto che della sua esistenza ne sarebbero a conoscenza solo pochissime persone. E alcuni anche in maniera del tutto casuale. 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1