CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.06.2018

Già fotosegnalata
tenta un furto
Doppia denuncia

Il supermercato Pam di viale Trento
Il supermercato Pam di viale Trento

VICENZA. Coppia tenta il furto in un supermercato. Ma la polizia riesce a bloccare una donna e a denunciarla per rapina impropria, dopo il colpo andato a vuoto grazie all'intervento dell'addetta di sicurezza del negozio che, accortasi di quanto stava accadendo tra gli scaffali, ha lanciato l'allarme.

Per la donna, scoperta con la refurtiva nascosta in un borsone, è scattata, in realtà, una doppia denuncia; in quanto riconosciuta, in questura, colpevole anche di un tentato furto in un'abitazione di via Vico a Vicenza, avvenuto la scorsa estate e per il quale era stata presentata una denuncia.

 

I fatti del tentato furto al supermercato risalgono a ieri pomeriggio. Una coppia è entrata al Pam di viale Trento, in città, ma dopo un breve giro tra gli scaffali, e dopo aver messo solo alcuni pezzi nel carrello, ha cercato di nascondere diversi prodotti in un borsone per poi dirigersi verso l'uscita senza passare per le casse.

Il fare sospetto della coppia non è però passato inosservato, tanto che un'addetta alla sicurezza del negozio ha prima tentato di fermare la donna, mentre l'uomo è riuscito subito a scappare. Poi ha chiamato le forze dell'ordine. La donna infatti è riuscita a divincolarsi dalla prese della sorvegliante e si è nascosta tra le auto del parcheggio del supermercato di viale Trento, dove poco dopo è stata individuata e fermata dalla polizia. Nel posteggio è stata ritrovata anche un'auto Renault Clio, a bordo della quale la coppia aveva raggiunto il supermercato.

 

Accompagnata in questura la donna è stata identificata in una 47enne di origine vicentina, residente in zona Polegge, con precedenti. La ladra è stata denunciata per rapina impropria.

In questura, però, un poliziotto ha riconosciuto la donna, fotosegnalata dalla proprietaria di una casa di via Vico, dove la ladra aveva tentato di mettere a segno un furto l'estate scorsa. La vittima l'aveva sorpresa e vista in volto prima prima che la donna si desse alla fuga, e nelle settimane successive casualmente incontrata in centro città e riconosciuta. In quell'occasione, la vittima del tentato furto, che aveva già presentato denuncia, era riuscita a fotografare la 47enne e aveva consegnato l'immagine in questura .

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1