CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

12.10.2017

Gentiloni all'Anci
«No aumento Iva
No nuove tasse»

Caricamento in corso ...

VICENZA. ore 18.15 Prima di entrare nella sala plenaria per l'intervento all'assemblea dell'Anci, il premier Gentiloni ha acconsentito al "fuori programma" promosso dal sindaco Achille Variati incontrando una rappresentanza delle associazioni che tutelano i piccoli risparmiatori delle ex Popolari Venete

Dieci minuti di incontro con Luigi Ugone, Andrea Arman e Marzio Zambon, in cui il presidente del Consiglio ha potuto registrare le gravi problematiche che coinvolgono 200 mila famiglie, prevalentemente venete, dopo il crack delle due banche popolari. Due le richieste avanzate: un fondo da inserire nella prossima legge finanziaria e un tavolo tecnico politico in cui le associazioni possano confrontarsi con le istituzioni nazionali alla ricerca di percorsi di soluzione.

 

ore 17.51 «Chi pensa all’Italia tra le prime cose che gli vengono in mente ci sono le nostre piazze e le nostre identità locali è molto importante che si rinnovi solennemente il patto tra lo Stato e le Città, gli enti locali, come motore di fiducia per il nostro Paese», ha concluso il premier Gentiloni.

 

ore 17.45 Gentiloni ha affermato che le risorse per la legge di bilancio saranno «limitate» ma «lavoreremo per trovare ulteriori spazi per gli investimenti». Le priorità della manovra, sostiene il premier, saranno «lavoro, lotta alla povertà, sostenere la competitività delle imprese, la tenuta della coesione sociale e territoriale».

 

ore 17.40 La legge di bilancio eviterà «l’aumento dell’Iva, non introdurrà nuove tassazioni» che avrebbero «effetto depressivo» ha assicurato Gentiloni. «Con la legge di bilancio dobbiamo incoraggiare la ripresa, anzitutto non fare danni nell’azione del governo, obiettivi limitati ma dobbiamo utilizzare gli spazi di ripresa per evitare che la legge di bilancio abbia effetto depressivo».

«Non è il tempo di perdere quanto costruito in questi anni, non è il tempo della irresponsabilità, dobbiamo mettere al primo posto l’Italia, ed è l’impegno che prendo a nome del governo di fronte a questa assemblea», ha aggiunto. «Si deve fare ogni sforzo per giungere ad una conclusione ordinata
alla legislatura, con una legge di bilancio che non freni ma incoraggi la ripresa in atto, non fare danni nell’azione di governo - ha concluso Gentiloni - si deve evitare una legge di bilancio con effetto depressivo».

 

ore 17.30 «Nessuno meglio di voi sa che siamo su una strada che ci auguriamo sia quella giusta per venire fuori da questa crisi terribile», ha afferamto Gentiloni rivolgendosi direttamente ai sindaci. «Su piano economico abbiamo macrocifre incoraggianti e dobbiamo tradurle in cambiamenti, non solo nella fiducia, che nell'ultimo periodo comincia ad esserci. Ma dobbiamo tradurle in cambiamenti sostanziali dal punto di vista del lavoro e del benessere», ha aggiunto.

 

ore 17.20 Iniziato il discorso di Gentiloni all'assemblea dell'Anci (VIDEO). «Negli ultimi 25 anni i sindaci sono stati i protagonisti di questo tessuto democratico - ha detto il premier -. Quello dei sindaci è un mestiere che non ha perso il suo fascino, ma è diventato sempre più difficile». Poi un pensiero per i sindaci recentemente colpiti dal terremoto, che «devono sentire continuamente il sostegno delle istituzioni. La tenuta di quei centri riguarda il nostro tessuto democratico».

 

ore 17 Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni è arrivato in Fiera a Vicenza per l'assemblea dell'Anci (VIDEO). Ad accoglierlo il sindaco di Vicenza e presidente dell'Upi Achille Variati, il presidente dell'Anci Antonio Decaro e il presidente del Consiglio nazionale Anci Enzo Bianco. Per Gentiloni si tratta della prima volta in Veneto da quando è premier.  

Correlati

Articoli da leggere

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1