CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.10.2017

Vietati gli erbicidi
nel verde pubblico
Multe fino a 500 euro

Il parco Doria. ARCHIVIO
Il parco Doria. ARCHIVIO

Stop all’uso di erbicidi nelle aree frequentate dai cittadini di Creazzo. Lo prevede il regolamento comunale approvato all’unanimità nell’ultima seduta del Consiglio e il cui obiettivo sarà quello di ridurre l’impatto sulla salute e sull’ambiente. Ad illustrare le nuove regole è stata l’assessore all’ambiente, Chiara Celegato, che ha spiegato che il regolamento ha recepito il piano di azione nazionale riguardante l’utilizzo sostenibile dei prodotti fitosanitari.

Il nuovo regolamento sarà valido in tutte le aree, pubbliche o private, frequentate dai cittadini come i parchi gioco, boschi, campi sportivi, orti, aiuole, i cortili delle scuole e i cimiteri. Diciannove gli articoli che, fra le altre cose, prevedono anche sanzioni che andranno da 80 a 500 euro.

I consiglieri Valentino Cattelan e Loretta Zanetti di “Idea Comune” hanno chiesto delucidazioni a proposito di aree pubbliche come quelle che si trovano davanti ai supermercati e hotel, ma anche sull’utilizzo di diserbanti da parte di chi, ad esempio, possiede un orto e sulla disinfestazione di zanzare proprio nei parchi. «Ai cittadini è vietata la vendita di determinati prodotti – ha risposto il sindaco, Stefano Giacomin – e comunque le aree citate rientrano nel regolamento».

A proposito delle operazioni anti zanzara il sindaco ha osservato che i trattamenti effettuati nei parchi sono essenzialmente larvicidi e quindi con rischi controllati. L’assessore Celegato ha, infine, aggiunto che, per chi volesse delle informazioni sui prodotti da utilizzare, è disponibile anche una lista verde redatta dal ministero. A.F.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1