Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 24 settembre 2018

Scuola rifatta in 6 mesi Pronta per settembre

Il cantiere attualmente in corso alla scuola “Manzoni”. FADDA

Finiranno a luglio i lavori di miglioramento sismico della scuola media “Manzoni” di Creazzo. Proseguono secondo il calendario prestabilito, e si concluderanno a tempo di record, le opere iniziate sei mesi fa. L’intenzione dell’Amministrazione è far sì che il nuovo anno possa iniziare con la scuola completamente rinnovata. Le opere riguardano la messa in sicurezza, secondo le norme antisismiche, delle ali nord e sud attraverso i rinforzi delle fondamenta, dei pilastri e la realizzazione di nuove pareti. «In questo modo – afferma l’assessore alle opere pubbliche Giuseppe Serraino – l’istituto, costruito negli anni Settanta, sarà rimesso a nuovo, sia a livello impiantistico, che di finiture. Sarà come avere una nuova scuola». L’Amministrazione intanto ha programmato le operazioni di pulizia che dovrebbero terminare a fine agosto. Il municipio ha preso contatto con il Comitato Genitori per concordare le modalità di trasloco e di ricollocazione delle classi per renderle funzionali alla ripresa della scuola. «Voglio ringraziare tutto il Comitato Genitori per la disponibilità dimostrata a gennaio quando abbiamo spostato le aule nelle strutture modulari – afferma l’assessore - e adesso per fare l’operazione inversa. Questo ha permesso di attenuare i disagi». E prosegue: «Confidiamo, se non dovessero verificarsi ritardi all’ultimo minuto, di cominciare l’anno scolastico nella scuola Manzoni sia per le scuole medie che per la primaria. Questo è un risultato importante perché in sei mesi si è concluso un intervento di miglioramento sismico del valore di oltre un milione e mezzo di euro, restituendo un edificio completamente nuovo e a norma». Il costo totale dell’opera è stato coperto per il 90 per cento da Regione e Unione Europea e il restante 10 per cento dall’Amministrazione. A carico del Comune, infine, anche la spesa di oltre 200 mila euro per il noleggio delle otto aule scolastiche prefabbricate, la realizzazione della piattaforma in calcestruzzo per il posizionamento dei moduli e la sistemazione di alcuni locali per ospitare altre classi momentaneamente trasferite altrove. • © RIPRODUZIONE RISERVATA