Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
giovedì, 15 novembre 2018

«Prigionieri
della rotatoria
non lavoriamo più»

Il cantiere e il bar intrappolato dalla rotatoria FOTO STELLA

COSTABISSARA. Prigionieri del rondò. O meglio del cantiere che, da tre mesi, ha trasformato l'intersezione del Botteghino in un “work in progress” di deviazioni, sensi unici, segnaletica modificata e barriere jersey in vista della rotatoria che sarà.
L'intervento viabilistico da 1 milione e 140 mila euro più atteso nella storia annosa e punteggiata di incidenti del Botteghino, come tutte le grandi opere fa felici i più ma scontenta, inevitabilmente, qualcuno. Ad esempio Tiziano Ciscato e Sofia Rizzotto, 62 e 57 anni, da 17 i titolari del bar “Al Bivio” di via Cesare Battisti, a Costabissara: un locale che che ora si trova nel mezzo della rotatoria, come previsto dal progetto esecutivo che ha inglobato al suo interno gli immobili esistenti. I gestori lamentano perdite di 300 euro al giorno da quando sono iniziati i lavori. Il sindaco annuncia sgravi fiscali e promette: «Dopo i lavori la zona sarà migliore di com'è adesso».