CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.11.2017

Consumi fermi, si spende solo per cibo e

Negli ultimi 10 anni, le famiglie vicentine hanno preferito tirare la cinghia. O meglio, hanno selezionato accuratamente i settori sui quali puntare per gli acquisti, trascurandone altri. A sottolinearlo è uno studio della Confesercenti del Veneto centrale, sezione nata dalla fusione tra quelle di Vicenza e Padova. I risultati, derivanti dall’elaborazione di dati Istat, tratteggiano uno scenario che descrive bene il cambiamento degli stili di vita e delle abitudini dei vicentini nell’ultimo decennio. Un periodo investito dalla crisi economica, con gli inevitabili effetti sui portafogli dei cittadini. A far la parte del leone sono stati i consumi per i prodotti alimentari, a scapito invece di articoli d’abbigliamento e calzature.

I SETTORI. In questi 10 anni, innanzitutto, le famiglie beriche hanno adottato una linea maggiormente ispirata alla parsimonia. A parlare sono i numeri contenuti nell’indagine: in un decennio la spesa è aumentata di appena il 7 per cento, passando da 14 miliardi di euro sborsati nel 2007 a poco più di 14,7 miliardi del 2016. Sicuramente ad aver condizionato le tasche dei consumatori è stato il settore che ha vissuto la crescita più impetuosa: quello degli affitti delle abitazioni. Le spese delle famiglie per i canoni di locazione delle rispettive case sono schizzate verso l’alto del 40 per cento, la crescita più alta in Veneto, passando da 2,2 a 3 miliardi. E se si spende di più per l’affitto, per far quadrare i bilanci familiari è necessario ridurre le risorse da destinare ad altri fronti. Così, a partire dal 2007, ultimo anno prima della grande crisi economica, i vicentini sono tornati a rispolverare cappotti e camicie dell’anno precedente, risparmiando sul guardaroba. Per quanto riguarda abbigliamento e calzature, infatti, gli acquisti sono crollati del 9 per cento, dai 970 milioni del 2007 agli 883 milioni del 2016. Ad una cosa, però, i consumatori berici non hanno voluto rinunciare: ai piaceri della tavola. La spesa per i prodotti alimentari è aumentata di oltre il 15 per cento nel giro di dieci anni, da 2 a 2,3 miliardi di euro. Un dato, quest’ultimo, che pone il Vicentino in seconda posizione, dopo Treviso, a livello regionale. Restano invece sostanzialmente stabili le spese per mobili ed elettrodomestici. Si registra un risultato negativo anche per i servizi, che scendono di oltre il 5 per cento.

IL COMMENTO. «Non c’è stata una ripresa: i consumi si spostano, ma non aumentano». A parlare è Flavio Convento, vicepresidente di Confesercenti del Veneto centrale e referente dell’associazione per il Vicentino, il quale introduce un nuovo aspetto legato ai consumi nel territorio berico. «Gli acquisti si spostano sulla grande distribuzione e sull’e-commerce - sottolinea Convento -. È vero, il mondo sta cambiando, si cerca di adattarsi, ma non credo sia questo lo stile di vita dei vicentini». Il riferimento è ai negozi di vicinato presenti nei centri storici, molti dei quali si vedono costretti ad abbassare le serrande anche per le mutate abitudini di spesa dei clienti.

Matteo Carollo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1