CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

06.10.2017

In arrivo le foto trappole
contro i furbetti dei rifiuti

I rifiuti abbandonati e poi ritrovati dai volontari sulla strada militare
I rifiuti abbandonati e poi ritrovati dai volontari sulla strada militare

Le foto trappole per individuare i furbetti che abbandonano i rifiuti. E' questa la soluzione a cui sta pensando l'Amministrazione comunale dopo il ritrovamento di circa 30 quintali di materiali sparsi tra le colline della Strada Militare, ripulita grazie all'intervento dei volontari dell'associazione "Difesa Natura Colli Berici onlus" qualche giorno fa. «C’era veramente di tutto. E non è più tollerabile che accada» dice il sindaco Paolo Pellizzari. Così il Comune sta acquistando le prime due fototrappole mobili, da posizionare nei punti del territorio più sensibili agli episodi di abbandono rifiuti, oltre alla Strada Militare anche zona Grancare Bassa, dove più volte è stato trovato eternit tra il verde. «Nell'ultimo episodio però non siamo riusciti ad individuare i responsabili, mentre nei casi precedenti erano stati sanzionati», precisano in comune. Le foto trappole verranno quindi posizionate di volta in volta in siti differenti e non solo in Strada Militare e zona Grancare Bassa: sono strumenti che registrano il movimento e quindi scattano immediatamente una serie di fotografie, anche con il buio durante le ore notturne. «Per combattere l'abbandono rifiuti stiamo lavorando in sinergia con le forze dell'ordine - continua il sindaco Pellizzari - ma ci sono alcuni siti nel territorio che vengono puntualmente colpiti dal problema. E non sempre è possibile individuare il responsabile. Vogliamo mettere un freno al fenomeno. Si tratta di persone non residenti ad Arcugnano». Come avvenuto nell'ultimo caso. Sulla Strada Militare infatti, dove i volontari dell'Associazione Difesa Natura Colli Berici hanno recuperato fusti di solventi, eternit, guaina bituminosa utilizzata come rivestimento pareti, vetro e plastica, erano stati ritrovati anche residui di officina meccanica e copertoni. Polizia locale e successivamente i carabinieri forestali hanno individuato il responsabile. «Tra i rifiuti c'erano alcuni scontrini e fatture - precisa il sindaco - così è stato possibile trovare la persona fisica, che gestisce un distributore con officina meccanica non ad Arcugnano che aveva abbandonato i rifiuti. E' stata una grande soddisfazione. Messo davanti al materiale cartaceo rinvenuto non ha potuto che ammettere di essersi incautamente affidato a terzi per lo smaltimento dei materiali. Ha provveduto al recupero dei rifiuti e allo smaltimento, si è scusato e ha pagato una sanzione amministrativa di 650 euro. Purtroppo il vasto territorio di 40 chilometri quadrati collinari, diventa un'occasione per chi abita in altri comuni per abbandonare qui un po' di tutto. Ma non possiamo tollerare che vengano lasciati nelle colline fusti di gasolio ancora pieni, parti meccaniche, eternit. E l'unica strada che abbiamo per combattere il fenomeno».

Luisa Nicoli
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1