Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o scorrendo questa pagina acconsenti all'uso dei cookie.
lunedì, 19 novembre 2018

Droni “acquatici”
studiano
il lago di Fimon

I droni usati al lago di Fimon

ARCUGNANO. La scorsa settimana il dipartimento di Informatica dell'Università di Verona, in collaborazione con i tecnici di Arpav, ha sperimentato la funzionalità di due droni per il monitoraggio dei laghi. I droni, sviluppati nell’ambito del progetto europeo Intcatch 2020, sono dotati di sonde per la misura di alcuni parametri chimico-fisici come la temperatura e l’ossigeno disciolto. Possono eseguire misure in autonomia e permettono di visualizzare i dati in tempo reale tramite dispositivi mobili, tablet o smartphone.

 

I droni, ognuno con un diverso sistema di propulsione, sono stati calati sul lago di Fimon, nel comune di Arcugnano. Il primo, dotato di una coppia di eliche immerse in acqua aveva già dato buoni risultati nel lago del Frassino, in provincia di Verona. Il secondo, dotato di propulsione a elica fuori dall'acqua, è stato sottoposto alle particolari difficoltà della navigazione nel lago di Fimon in questo periodo soggetto alla naturale proliferazione di alghe e ninfee.

I risultati appaiono buoni pertanto si proseguirà la sperimentazione di tali metodi innovativi per il monitoraggio delle acque.