CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

09.11.2017

Solo polvere di gesso
nel pacco sospetto

L’area dell’ufficio di smistamento transennata per i controlli
L’area dell’ufficio di smistamento transennata per i controlli

Polvere di gesso, sembra essere questa la sostanza, uscita da un pacchetto, che ha creato scompiglio l’altra mattina al centro di smistamento della posta in via Stazione.

Si tratta di un acquisto on line indirizzato ad una cliente, che abita nella valle dell’Agno; si sa solo che si tratta di una signora, ma non sono state fornite le generalità, in quanto sono ancora in corso le indagini dei carabinieri, e si deve attendere l’esito degli esami di laboratorio all’istituto zooprofilattico di Legnaro, al quale è stata trasportata la sostanza.

I 15 addetti che lavorano al centro postale stanno tutti bene e si sono presentati regolarmente al lavoro ieri mattina. Compresi i due dipendenti venuti a contatto con la sostanza, che non presentano sintomi di intossicazione.

A seguito dell’allarme, il personale è stato tenuto in isolamento all’interno dell’ufficio fino alle 14.30, assistito dai medici dell’Ulss Berica, mentre i due “contaminati” erano stati avviati per accertamenti all’ospedale di Vicenza. La presenza di eventuale polvere di antrace nel pacchetto postale, giunto al centro di Trissino per lo smistamento, aveva fatto scattare tutti i dispositivi di sicurezza.

Con i carabinieri della stazione di Trissino erano intervenuti i vigili del fuoco del distaccamento di Arzignano e gli operatori del Centro nucleare batteriologico chimico radiologico di Vicenza, che avevano isolato e recuperato la sostanza, inviandola per gli esami al laboratorio padovano.

A quanto pare sembra che il caso sia risolto e la sostanza del pacchetto postale on line non sia altro che polvere di gesso, come nei due casi analoghi di Asiago e di Bassano nei mesi scorsi. A.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1