CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

31.10.2017

Proteste alla Miteni
La ditta:«Ritardati
i lavori alla falda»

Gli attivisti davanti all'ingresso della Miteni di Trissino.
Gli attivisti davanti all'ingresso della Miteni di Trissino.

TRISSINO. Attivisti dei centri sociali hanno bloccato l’entrata della Miteni di Trissino. Sotto la bandiera di "Climate Defese Units", hanno impedito l’ingresso delle persone e dei mezzi alla fabbrica per rivendicare il sequestro dell’impianto che ritengono responsabile dell’inquinamento da Pfas. «Con l’azione di questa mattina - spiegano in una nota - si chiede di sequestrare la Miteni ma non solo. È necessario che la fabbrica paghi la bonifica dei terreni e l’approvvigionamento dell’acqua sicura. Non è accettabile che i cittadini stessi che per decenni hanno subito i danni dei Pfas ora debbano pagare la bonifica». Gli attivisti chiedono che «tutti i lavoratori della Miteni» vengano salvaguardati e ricollocati nel processo di bonifica dell’impianto».

Immediata la replica della Miteni: «L'unico risultato della manifestazione è stato ritardare il proseguimento delle attività di ambientalizzazione che, come già annunciato, hanno portato a intercettare gli inquinanti storici presenti nella falda sottostante oltre il 99%. Alcune decine di manifestanti questa mattina hanno bloccato l’ingresso della Miteni impedendo l’ingresso aI lavoratori. A rimanere fuori sono stati anche i furgoni di due ditte che stanno eseguendo i lavori sul completamento del barrieramento della falda. Interferire con il lavoro dello stabilimento oggi significa solo ritardare la bonifica in corso visto che Miteni sta depurando la falda e non produce più Pfos e Pfoa da anni».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1