CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.09.2017

Parrocchiani orgogliosi
L’organo è restaurato

L’organo restaurato. A.C.
L’organo restaurato. A.C.

Domenica prossima 10 settembre ci sarà l’inaugurazione dello storico organo Balbiani recentemente restaurato dalla ditta Luigi Patella di Cinto Euganeo di Padova. Si trova nella settecentesca chiesa di Sant’Andrea in Trissino, che vanta una storia antichissima, la sua esistenza è segnalata già nel 1297 ed è stata chiesa parrocchiale fino al 1971, quando si costruì in piano l’attuale chiesa di S. Pietro Apostolo su progetto di dell’arch. Antonio Nervi e dell’ing. Francesco Vascchini.

Lo strumento storico reuperato era stato inaugurato nel 1933 con un concerto e una grande affluenza, come si legge nel libro cronistorico del parroco di allora. Negli anni l’organo si logorò al punto di essere inutilizzato. La comunità di Trissino non volle privarsi di questo prezioso strumento musicale, che fa parte della sua storia religiosa, e qualche anno fa decise il suo completo recupero.

Il costo di 85 mila euro è stato coperto dalla generosità dei fedeli di Trissino e da un contrbuto giunto dalla Conferenza Episcopale Italiana che ha da sempre un legame speciale con questa chiesa.

La cerimonia prevede alle 10.30 un breve concerto eseguito dal maestro Ornelio Bortoliero, organista della cattedrale di Vicenza, durante il quale sarà inserito il rito della benedizione dello strumento recuperato.

Alle 11 avrà inizio la celebrazione della messa, presieduta da mons. Pierangelo Ruaro, direttore dell’Ufficio diocesano per la Liturgia, le cui varie parti - solistiche e assembleari - saranno accompagnate dal suono dell’organo. Si prevede una grande affluenza di gente per il grande appuntamento.A.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1