CHIUDI
CHIUDI

19.02.2019

La droga raccontata a scuola da un papà che ha perso il figlio

Gianpietro Ghidini. ARCHIVIO
Gianpietro Ghidini. ARCHIVIO

“Lasciami volare” è il tema dell’incontro in programma questa sera, dalle 20 alle 22, per iniziativa del Centro di Formazione Professionale che affronta il problema della droga in collaborazione con la fondazione “Pesciolino Rosso”. L’incontro si svolgerà al palazzetto dello sport “Angelo Sinico”. Sono previsti due momenti. Quello del mattino, dalle 10 alle 12, sarà rivolto agli studenti; quello della sera, dalle 20 alle 22, sarà invece aperto a tutti. Grazie alla testimonianza di Gianpietro Ghidini, il padre di un ragazzo morto a 16 anni per annegamento, dopo aver assunto una pasticca di Lsd, gli alunni, i genitori e tutti i partecipanti potranno ascoltare un racconto di vita, di speranza, di forza dopo l’incontro-scontro con la droga. Dal 24 novembre 2013 la missione di Ghidini è diventata quella di fare in modo che la tragedia di suo figlio Emanuele possa salvare altri giovani e così, a otto giorni dal lutto, ha deciso di fondare l’associazione “Ema Pesciolino Rosso”, diventata ben presto una community di migliaia di persone, dove genitori e giovani si scambiano idee, pensieri e condividono riflessioni su temi come l’adolescenza, il futuro, la scuola e, ovviamente, il rapporto tra genitori e figli. Con questo progetto ha incominciato il suo percorso di incontri nelle scuole d’Italia, intrattenendosi con i ragazzi come un padre, informandoli sulla droga, l’alcool e le conseguenze che possono provocare le dipendenze. Non solo agli studenti, l’attenzione di Ghidini si rivolge anche ai genitori, ai quali è dedicata una parte del suo libro “Lasciami volare”, diventato anche un’opera teatrale. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1