CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

10.09.2018

Gnocchi, numeri record Un piatto ogni 4 secondi

Il grande tendone gremito per gli gnocchi De.Co. FOTO CARIOLATO
Il grande tendone gremito per gli gnocchi De.Co. FOTO CARIOLATO

Selva, la frazione collinare di Trissino: 300 abitanti, che diventano 30 mila in occasione della festa del gnocco lunga due weekend. Il numero dei piatti ha avuto una crescita esponenziale di edizione in edizione, fino ad arrivare alla quota di 24 mila nell’edizione 2017, un traguardo, che sarebbe stato senz’altro superato quest’anno, se il maltempo delle due serate d’apertura non avesse ridimensionato le presenze. Anche se va detto che 1.500 affezionati, sfidando la pioggia battente, non hanno mancato all’appuntamento il primo sabato d’apertura, otto giorni fa. Ma è bastato che la serata di ieri l’altro volgesse al bello, con il cielo stellato, per assistere al record dell’edizione 2018: sono stati distribuiti 3.630 piatti di gnocchi: con una velocità di distribuzione pari a 980 piatti all’ora, uno ogni quattro secondi. Solo una macchina organizzativa ben oleata, composta da 50 persone in cucina, può garantire un simile risultato. Per l’edizione 2018 sono stati preparati 100 quintali di gnocchi, composti da 80 quintali di patate “De.Co, Monte Faldo, da 20 quintali di farina e da 10 mila uova. Re assoluto il piatto con il sugo al tartufo. Quest’anno il 1° concorso “Patate Monte Faldo De.Co” è stato vinto da Francesco Pellizzaro (Selva) categoria Biondje, da Carla Nico (Nogarole) cat. Marabel e da Renato Dulmieri (Nogarole) cat.Desiree. Il ministro agli affari regionali Erika Stefani ha raggiunto Selva e gustando un piatto di gnocchi, si è congratulata con gli organizzatori. Come indotto, la festa del gnocco ha comportato nella frazione un aumento del 40% della produzione di patate, che si attesta sui mille quintati di patate De.Co. Oltre alle quattro aziende agricole a titolo principale si sono aggiunti altri 30 coltivatori a partita Iva. «La festa ha costituito un valore aggiunto all’economia della frazione – ha detto l’urbanista Diego Pellizzaro, vicecoordinatore del comitato parrocchiale -. Il ricavato di anno in anno ha permesso di restaurare la chiesa, il campanile e la scuola materna; è stata costruita la piastra polivalente per la pallavolo e il teatro all’aperto con 200 posti a sedere sistemati ad anfiteatro». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1