CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.11.2017

“Deforestato” l’Agno
dopo diversi anni
senza manutenzione

I tronchi  tagliati. CARIOLATO
I tronchi tagliati. CARIOLATO

Sono alberi veri e propri quelli che stanno tagliando i tecnici del Servizio forestale di Vicenza lungo gli argini del torrente Agno, a Trissino, per conto del Genio civile.

Dopo tanti anni di assenza di manutenzione, si era creata una sorta di foresta lungo gli argini dell’Agno. Le stesse pietre, che costituiscono l’argine, sono scomparse alla vista, coperte dalla fitta vegetazione. Nell’alveo del torrente sono cresciuti dei boschetti, che, se costituiscono ormai una caratteristica ambientale dell’Agno, sono diventati un ostacolo al defluire delle acque. I tanti ciclisti e podisti che quotidianamente passano lungo la pista ciclabile Agno-Gua, osservano incuriositi i lavori di taglio dei boscaioli, convinti che la pulizia degli argini darà lustro all’ambiente circostante, ricco di flora e di fauna.

Dopo le piene dell’Agno le sponde apparivano spesso imbandierate e multicolori, per effetto dei sacchetti di plastica, rimasti attaccati ai rami. Sulla sponda sinistra si scorgono ammucchiati i tronchi e molti sono di diametro considerevole a dimostrazione che ormai l’intervento, ordinato dal Genio civile di Vicenza, era necessario. Di questo avviso è anche il sindaco Davide Faccio, che ha accolto l’intervento del Servizio forestale con grande soddisfazione, perché viene a rimediare una situazione, sia dal punto di vista ambientale che di sicurezza idrogelogica improcrastibanile. «Con il Genio civile di Vicenza - precisa – c’è sempre stata una grande collaborazione». A.C.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1