CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.02.2018

I pescatori duri
«Trote a rischio
dopo i lavori»

Alcuni volontari al lavoro per ripulire il bacino Agno - Chiampo. FOTO DANIELI
Alcuni volontari al lavoro per ripulire il bacino Agno - Chiampo. FOTO DANIELI

VALDAGNO. Pescatori sul piede di guerra a Valdagno, dopo il parziale intervento di pulizia fatto nel torrente dal Genio Civile che ha lasciato alcuni tratti ancora pieni di sterpaglie e altri con pochi centimetri di acqua, che mettono a rischio la vita dei pesci. La denuncia è del Bacino Agno Chiampo, associazione dilettantistica di pescatori. «Non siamo arrabbiati perché non possiamo pescare le trote – precisa il vicepresidente Stefano Peretti -. Piuttosto per il fatto che in questo modo si deturpa l’ambiente».

«Già in passato – ricorda - avevamo fatto presente che certi lavori non si fanno così. Sicuramente non quando le trote si stanno riproducendo». Le operazioni di pulizia del torrente sono partite a nord dal Ponte del Tessitore e sono arrivate fino a sud in corrispondenza del ponte in legno su Valle Miara. «Il Genio ha fatto dell’alveo un deserto – lamenta Peretti -, le briglie sono piene di ghiaia, qualcuna era fonda due metri, ora ci sono solo cinque centimetri di acqua. E ora il pesce non sa dove nascondersi. Una situazione peggiore di quella denunciata in passato». Una situazione che preoccupa doppiamente, visto che il 4 marzo inizia la stagione della pesca.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1