CHIUDI
CHIUDI

13.03.2019

Da donna a donna
Il midollo in dono
che salva una vita

Francesca Borga felice dopo aver donato il midollo osseo. VE.MO.
Francesca Borga felice dopo aver donato il midollo osseo. VE.MO.

VALDAGNO. Da donna a donna. Non ci sarebbe stato modo migliore di festeggiare l’8 marzo che cercare di salvare la vita di un’altra donna. È quello che ha pensato Francesca Borga, 28 anni, quando poco più di un anno fa ha ricevuto la notizia che proprio in quel giorno di festa avrebbe donato il suo midollo osseo. «Quando mi hanno chiamata per avvisarmi che era arrivato il momento di fare la donazione ero felicissima», ha raccontato l’infermiera valdagnese a margine della presentazione del progetto “Valdagno, città del dono”. «In quel periodo - racconta - tutto stava andando benissimo: mi ero appena sposata e poche ore prima mi avevano assunto al lavoro. Non avevo mai dubitato un minuto della scelta che avevo fatto, ma fino a quando non ti chiamano è solo una possibilità sulla carta». Francesca non conosce la persona a cui ha donato, ma sa che è una lei. E ora che ha già donato il suo midollo, la sua missione è andare nelle scuole a sensibilizzare i giovani. «Non è una procedura invasiva, ma si contribuisce a cambiare la vita ad una persona e ai suoi familiari».

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1