CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

07.09.2018

Viabilità più sicura con gli spartitraffico in via Monte Cengio

I nuovi spartitraffico.   A.C.
I nuovi spartitraffico. A.C.

Viabilità modificata lungo la ex-strada provinciale 246, oggi denominata “strada mercato”, che attraversa il centro storico di Cornedo. In prossimità dell’incrocio di via Palazzina lungo il tratto di via Monte Cengio sono state collocate due aiuole spartitraffico, dotate di led giallo lampeggiante. «Si aggiungono alle altre tre poste in precedenza - ha detto l’assessore alla viabilità, sport e sicurezza, Francesco Lanaro – in punti nevralgici della strada, dove incrocia le vie laterali ed è attraversata dalle strisce pedonali. È uno strumento per indurre gli automobilisti ad attraversare il centro a minore velocità». Tutto è stato realizzato con le risorse interne: il progetto è stato predisposto dall’ufficio tecnico comunale, mentre gli operai municipali hanno provveduto alla sua messa in opera. Le due nuove aiuole spartitraffico sono state poste in prossimità dell’incrocio di via Palazzina, che è un’intersezione parecchio trafficata. Via Monte Cengio ormai può considerarsi a tutti gli effetti una “strada mercato”, perché è di servizio ai negozi e ai supermercati presenti nell’area commerciale sud del paese. Gli attraversamenti delle persone e gli accessi delle auto sono quanto mai frequenti. Nel passato si sono registrati diversi incidenti anche con esiti mortali. «Le aiuole spartitraffico – conclude l’assessore Lanaro – vogliono far capire agli automobilisti che bisogna andare piano, perché siamo nel centro abitato». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

A.C.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1