CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

14.04.2018

Incrocia i ladri
sull'uscio dopo
il raid in casa

L'interno dell'abitazione all'ultimo piano messa a soqquadro dai ladri. FOTO ZORDAN
L'interno dell'abitazione all'ultimo piano messa a soqquadro dai ladri. FOTO ZORDAN

CORNEDO. Quando li ha incontrati sul cancello della palazzina composta da quattro appartamenti non ci ha fatto caso, anzi, si sono anche scambiati un cenno di saluto. Ma quando, arrivato all'ultimo piano, ha notato la porta dell'abitazione del cognato aperta, ha capito cos'era successo.

Furto in pieno giorno martedì a Cereda di Cornedo, al civico 26 di via Pigafetta. I ladri sono entrati in azione convinti che tutti fossero al lavoro e gli appartamenti incustoditi. Neelam Sanjvir però è rientrato per la pausa pranzo intorno alle 12.30 costringendo i malviventi ad allontanarsi. «Ho incrociato due uomini - racconta - che stavano uscendo dalla palazzina. Avranno avuto sui 25-30 anni, di carnagione scura, forse italiani del sud o sudamericani. Pensavo avessero fatto visita a qualcuno. Poi però ho anche collegato che c'era un terzo uomo in una macchina grigia, una utilitaria, forse una Punto o una Fiesta, che stava parlando al telefono. Probabilmente è stato quest'ultimo ad avvisare del mio errivo i due che erano dentro. Purtroppo non ho avuto l'accortezza di memorizzare il numero di targa. Quando sono arrivato in cima alle scale ho trovato la porta dell'abitazione di mio cognato, Jasvir Singh, aperta. Ho dato un'occhiata dentro e ho visto che l'appartamento era stato messo a soqquadro. Ho chiamato un parente che abita vicino, poi una vicina ha allertato i carabinieri. Il mio arrivo li ha sicuramente disturbati. Sono riusciti comunque a portare via circa 300 euro in contanti, una postepay ed un libretto di risparmio, che sono stati subito bloccati e quindi sono inutilizzabili».

Per entrare nell'appartamento i malviventi sono prima saltati sul poggiolo dell'appartamento al piano rialzato e quindi arrampicati fino al poggiolo dell'ultimo piano forzando poi una porta finestra. Per fuggire sono invece passati per la porta d'entrata aprendola dall'interno.

Giorgio Zordan
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1