CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

20.10.2017

«Alunni accompagnati»
Scatta la protesta a scuola

La scuola alementare di Novale intitolata a Giovanni Cracco
La scuola alementare di Novale intitolata a Giovanni Cracco

Genitori dell’Istituto comprensivo 1 di Valdagno sul piede di guerra. A farli arrabbiare la circolare dello scorso 11 ottobre, che prevede l’obbligo a provvedere personalmente al ritiro dei figli all’uscita dalla scuola o delegare una persona adulta.

L’obbligo, iniziato mercoledì, coinvolge gli studenti delle scuole di Novale, Maglio di Sopra, Borne e Piana, in totale 1200, e ha creato da subito disagi perché gli alunni da soli sono stati trattenuti a scuola finché non è arrivato un adulto, con casi di genitori richiamati dal lavoro anche fuori provincia. La circolare del resto precisa che “in nessun caso è consentito agli alunni, in quanto minori, di rientrare a casa da soli”.

Il comitato genitori non condivide però questa decisione, che riguarda solo il comprensivo 1, dove è arrivato quest’anno un nuovo dirigente, e si sono rivolti anche ad un legale per farla cambiare. Si schiera con loro anche l’assessore all’istruzione Liliana Magnani: «Come Amministrazione siamo stati messi a conoscenza della situazione da subito. L’applicazione alla lettera della normativa, pur essendo nei poteri del dirigente, rischia di avere ripercussioni negative. Il Comune da anni investe in azioni rivolte alla messa in sicurezza dei percorsi casa-scuola: marciapiedi, piste ciclabili, trasporto pubblico, fino al Pedibus. Tanti sforzi che rischiano di essere vanificati dalla burocrazia e da un rimpallo di responsabilità che cala sulle spalle dei genitori».

E oggi intanto va in scena la protesta: rispettando alla lettera le indicazioni contenute nella circolare del dirigente, mamme e papà si metteranno in fila, uno alla volta, per prendere i figli. L’ingorgo sembra assicurato. G.Z.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1