CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

11.10.2017

Il teatro popolare
svela vizi e virtù
con tre spettacoli

Scena da “Coinquilino cercasi”
Scena da “Coinquilino cercasi”

Riapre anche quest'anno il sipario sulla rassegna “Teatro In Veneto”, arrivata alla settima edizione. «Il teatro popolare – dichiara l'assessore alla cultura Antonio Cipriano - ci regala un momento di divertimento, ma ci fa anche riflettere su vizi e virtù della nostra gente, il tutto colorito con i termini dialettali di una volta». Si parte sabato alle 20.30, con la compagnia di Arcugnano “Insieme per far Filò” che metterà in scena “Hotel del libero scambio”. Il regista Francesco Baruffato racconta di un geometra coniugato con una donna fredda e dispotica, che vede nella moglie dell’amico il mezzo per risvegliare desideri assopiti. Tutto si svolge all'Hotel del Libero Scambio dove l'arrivo di vari personaggi sconvolgerà quella che doveva essere una “tranquilla” scappatella. Venerdì 27 ottobre, alle 20.30, sarà la compagnia di casa “Teatro Insieme” a salire sul palco con “Coinquilino cercasi” per la regia di Gabriella Loss. La storia si svolge ai giorni nostri a Venezia dove padre Cirillo, per racimolare un po’ di denaro, decide di subaffittare per l'estate una stanza del suo appartamento. La scelta lo catapulterà in situazioni esilaranti e surreali. Infine, domenica 19 novembre, alle 17, la compagnia di Giavera del Montello (TV) “Le Tradizioni” presenterà “Ferie co sorpresa” con la regia di Nila Bettiol: due famiglie di diverso ceto sociale si trovano costrette a trascorrere le vacanze nello stesso elegante villino a Jesolo, negli anni '60, dando vita a un carosello di situazioni spassose. Le rappresentazioni si terranno nella sede del Circolo San Zenone. S.D.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1