CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

27.09.2017

I sindaci tra le malghe
«Territorio da scoprire»

Il gruppo durante la tappa compiuta a malga Granezzetta. GUZZONATOSperotto e Cappozzo. E.GU.
Il gruppo durante la tappa compiuta a malga Granezzetta. GUZZONATOSperotto e Cappozzo. E.GU.

“Gli stabili di malga Granezzetta raccontano storie di menti, cuori e braccia che generosamente nel tempo hanno guardato oltre il loro piccolo confine”. La frase della Pro Lugo, scolpita sul marmo all’ingresso dell’ultima tappa della visita annuale proposta dall’Amministrazione comunale di Lugo alla scoperta del territorio montano, rende, in poche parole, lo spirito di accoglienza del luogo.

Da rifugio alpino, infatti, è sempre aperto come punto di riferimento per chi è di passaggio, oltre ad accogliere, grazie ad una capienza di 40 posti letto, attività di associazioni e gruppi che si riuniscono per scopi sociali o amici che intendono far festa in compagnia a 1.268 metri di altitudine. «È in gestione alla Pro Lugo», spiega il sindaco Robertino Cappozzo, organizzatore dell’iniziativa con la sua vice, Onorina Pretto, e l’assessore al patrimonio montano Gianbaldo Rigon. «Una convenzione importante perché i volontari ricambiano con tanti servizi resi alla comunità, come il progetto di pulizia delle trincee». «Non immaginavo che il paese fosse così esteso e potesse contare su luoghi così belli», ha commentato Maria Teresa Sperotto, sindaco di Fara colpita dai panorami e dall’accoglienza che riservano anche Malga Tena, il Casello del Guardia a 1.260 metri e Malga Mazze Superiori a 1.315 metri.

Il gruppo di escursionisti composto anche da rappresentanti delle associazioni e dipendenti comunali ha percorso con una passeggiata la nuova strada di collegamento all’Orto Dimenticato. «È importante valorizzare e far conoscere questi posti».E.GU.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1