CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.08.2017

«In edicola da un mese
senza collegamento»

La titolare Fontana davanti agli apparecchi spenti. STUDIOSTELLA-CISCATO
La titolare Fontana davanti agli apparecchi spenti. STUDIOSTELLA-CISCATO

«A un mese dall'apertura della mia edicola sono costretta a non poter servire più di cento clienti a settimana perché Sisal e Lottomatica non hanno ancora attivato i dispositivi. Così non posso andare avanti».

Senza le operazioni di Lotto e Gratta&Vinci e impossibilitata ad effettuare le procedure per pagare multe e bollette o effettuare ricariche telefoniche, tramite le apparecchiature collegate in rete, la titolare dell'edicola Stella di via Roma a Zanè ha deciso di raccontare tutta la sua esasperazione per le lungaggini burocratiche che stanno rischiando di mettere in ginocchio la sua attività a poco più di quattro settimane dall'inaugurazione.

«Ho avviato le pratiche per la voltura nel contratto con Sisal e Lottomatica diversi giorni prima dell'apertura - racconta la titolare Maria Stella Fontana - Dopo aver contattato i gestori del servizio ad inizio luglio ed essere venuta a conoscenza della mancanza di alcuni documenti ho provveduto a fornire loro il materiale mancante. Nonostante le molte telefonate mi ritrovo ancora sprovvista dell'attivazione dei dispositivi indispensabili non solo per alcuni giochi, ma anche per effettuare ricariche, stampare biglietti e per il pagamento di multe e bollette da parte dei clienti».

Per la proprietaria dell'attività del centro zanadiense questi ritardi le starebbero causando un enorme danno economico.

«Ogni giorno sono costretta ad indirizzare una ventina di clienti verso altre edicole o tabaccherie della zona», spiega. E questo, anche se si dimostra un corretto servizio di informazioni e di disponibilità verso la clientela, non può andare avanti per molto, conferma la titolare.

«Il mio negozio si trova nel cuore del paese e non possono permettermi di non fornire questi servizi. I precedenti proprietari dell'attività, anche loro subentrati, non hanno avuto alcun tipo di problema con l'attivazione dei dispositivi», ribadisce Maria Stella Fontana che aggiunge: «Fatico a capire cosa possa impedire l'avviamento di queste apparecchiature, già installate nell'edicola. Sono esasperata e non so più cosa fare. L'attività faticherà ad andare avanti se non verranno attivati immediatamente».MA.BI.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1