CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

28.09.2017

Un cortocircuito in cucina
manda in fumo il mobilio

In via Palladio sono giunti i pompieri per domare il rogo. STELLA-CISCATO
In via Palladio sono giunti i pompieri per domare il rogo. STELLA-CISCATO

Momenti di paura, ieri in una palazzina dell'Ater composta da sei abitazioni in via Palladio 1, a Villaverla. Alle 12.45, i vigili del fuoco di Vicenza sono intervenuti per un rogo divampato nella cucina di un appartamento al secondo piano e abitato da una famiglia di origine marocchina, madre con tre figli. «In quel momento in casa c'era solo mio figlio di 20 anni – ha raccontato la mamma – Accortosi del fumo proveniente dalla cucina, ha dato l’allarme al 115 avvisando gli altri condomini che sono usciti tutti incolumi dalla palazzina». Quando i vigili del fuoco sono arrivati in via Palladio anche con un’autoscala, hanno immediatamente iniziato le operazioni di spegnimento. Le fiamme, il fumo e la fuliggine non hanno intaccato la palazzina e, a parte la cucina in cui si è sviluppato il rogo, si sono salvate anche tutte le altre stanze dell'appartamento direttamente interessato dalle fiamme. Le cause dell’incendio sarebbero riconducibili a un problema elettrico: si tratterebbe di un cortocircuito partito dal piano cottura per poi interessare una presa posta poco distante dal fornello facendo saltare l'intero impianto elettrico. Da lì sarebbero divampate le fiamme che hanno bruciato i pensili della cucina, tra l'altro nuova di zecca. I danni dovrebbero aggirarsi su qualche migliaio di euro. Le operazioni di messa in sicurezza dell’abitazione, da parte dei pompieri di Vicenza, sono terminate dopo circa due ore.S.D.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1