CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

24.10.2017

Un camion perde
il carico di ghiaia
Provinciale in tilt

La lunga fase di pulizia del tratto di strada di Villaverla dopo la perdita di ghiaia. STUDIOSTELLA-CISCATO
La lunga fase di pulizia del tratto di strada di Villaverla dopo la perdita di ghiaia. STUDIOSTELLA-CISCATO

Quattro chilometri, metro più, metro meno, coperti da ghiaino, quello utilizzato per asfaltare le strade. Solo che, né a Villaverla dove il fattaccio è accaduto né a Caldogno, dove se ne sono viste le conseguenze, erano in programma lavori di rifacimento del manto stradale. Dunque, la distesa di materiale che ieri ha invaso la Sp 349 ha provocato non pochi problemi. A causare i disagi, durati diverse ore, fino all'ora di pranzo, sembra essere stato un camion che trasportava appunto miscelati per l'asfaltatura e che avrebbe perso parte del carico. Il conducente, consapevolmente o meno, non è dato sapere, non si è però fermato: ha fatto perdere le sue tracce ed è ora ricercato dalla polizia locale Nevi. Tutto è accaduto intorno alle 9 quando, in corrispondenza del municipio di Villaverla, in pieno centro al paese, la corsia in direzione di Vicenza arrivando da Thiene, è stata letteralmente ricoperta da ghiaino. Tra i primi ad accorgersene è stato il sindaco Ruggero Gonzo, a quell'ora già nel suo ufficio in municipio, che ha immediatamente allertato Vi.Abilità e i vigili per mettere in sicurezza in tempi rapidi la tratta. Nessuno pare sia riuscito a leggere la targa del mezzo pesante responsabile della perdita, ma più di qualcuno lo avrebbe visto svoltare verso Caldogno, dopo aver disseminato materiale fino all'imbocco della zona industriale calidonense. Notevoli le ripercussioni sulla viabilità in un rettilineo già normalmente molto trafficato e su cui transitano, quotidianamente, migliaia di veicoli. È entrata in azione una pulitrice della ditta Ava. Rallentamenti e deviazioni alla circolazione. «Fortunatamente - osserva Gonzo- non ci sono stati incidenti ma il rischio è stato elevato. Si è trattato di due o tre centimetri di ghiaino in alcuni punti, motivo per cui trovo difficile che la persona alla guida del camion possa non essersi accorta di nulla». Seguendo la scia di bitume fino a Caldogno e ipotizzando che il mezzo abbia girato verso il paese limitrofo il sindaco è ora deciso a risalire al responsabile, grazie all'aiuto della tecnologia. Elementi utili all'identificazione del veicolo potrebbero giungere infatti dai filmati delle telecamere di videosorveglianza posizionate lungo il percorso, che dovrebbero aver ripreso la sequenza mattutina.

Giulia Armeni
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1