CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

08.11.2017

«È disoccupata»
Pensionato fa
prostituire moglie

Appartamento sotto sequestro
Appartamento sotto sequestro

VILLAVERLA. Tutto è iniziato alcuni giorni fa quando il sindaco di Villaverla, Ruggero Gonzo, ha segnalato alla polizia locale di aver visto un vicentino, a bordo di una Opel, accompagnare una donna cinese in un appartamento di via Verlato dove c'era un continuo viavai di uomini a tutte le ore. Dagli accertamenti è emerso che, sui siti internet specializzati, erano comparsi annunci di questo tenore: «A Villaverla appena arrivata incantevole, sensuale, orientale che cerca amici». Sono dunque iniziati gli appostamenti in borghese degli agenti.  Lunedì pomeriggio un cliente 50enne, residente a Dueville, è uscito dall'appartamento ammettendo di avere appena consumato un rapporto sessuale con una donna orientale. Meno di un'ora dopo un altro cliente 55enne, residente a Malo, ha detto la stessa cosa. A quel punto è scattata la perquisizione dell'appartamento dove c'era una donna di 47 anni di nazionalità cinese residente a Vicenza. La donna ha chiesto di poter chiamare il marito e si è scoperto che il vicentino, di 63 anni, aveva stipulato il contratto di locazione e, ogni giorno, accompagnava la moglie. Il pensionato si sarebbe giustificato dicendo che la moglie poteva svolgere solo prestazioni sessuali perché non trovava più lavoro e che l'attività rendeva circa 1000/1500 euro al mese. 
L'uomo è stato denunciato per favoreggiamento della prostituzione, che prevede il raddoppio della pena trattandosi del marito. Denunciata anche una 51enne donna cinese che aveva inserito gli annunci pubblicitari in internet. L'appartamento è stato posto sotto sequestro preventivo, anche al fine di consentire lo sviluppo delle indagini. Sequestrati, inoltre,soldi e il telefonino utilizzato per ricevere le richieste, che ha continuato a suonare incessantemente per ore. 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1