CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2017

Paralisi del Centrodestra
Manca l’anti-Casarotto

Una parte della facciata del palazzo municipale. STUDIOSTELLA-CISCATO
Una parte della facciata del palazzo municipale. STUDIOSTELLA-CISCATO

Il fatto che a tre mesi dalle elezioni amministrative il centrodestra non abbia ancora tirato fuori dal cilindro il candidato che tenterà di sfilare la poltrona al sindaco uscente Gianni Casarotto, fa pensare più ad una impasse che a una strategia politica.

Soprattutto in casa Lega nord, dato che è ormai dallo scorso settembre che in città circolano con insistenza i nomi dell'ex sindaco e poi presidente della Provincia Attilio Schneck, dell'ex assessore e consigliere regionale Marino Finozzi e dell'ex assessore comunale Luciano Bassan. Nomi altisonanti e conosciuti, protagonisti a dicembre di un sondaggio telefonico promosso dal Carroccio per tastare il polso della cittadinanza e capire il grado di fiducia che tali nomi riscuotono oggi a Thiene.

Un'indagine pre-elettorale che aveva anche il compito di verificare se e quanto la figura del sindaco Casarotto fosse apprezzata. Un modo insomma per capire le chances di vittoria.

Probabilmente è proprio il risultato di tale sondaggio ad avere dato più di qualche grattacapo non solo alla Lega nord - che certamente, dopo la sconfitta di Maria Rita Busetti alle amministrative del 2012, non vuole correre il rischio di perdere un'altra volta contro il cosiddetto “minestrone” - ma anche a Forza Italia Alto Vicentino, che non ha mai nascosto il desiderio di unire il centrodestra per ottenere un candidato forte. Un candidato che tuttavia, almeno dalle risposte arrivate dalla cittadinanza, non avrebbe vita facile alle prossime elezioni. Il sondaggio ha infatti rivelato che i thienesi apprezzano molto l'operato sia della giunta che del sindaco Casarotto; un endorsement che proviene non solo tra i votanti del centrosinistra e da quelli non schierati, ma anche dagli elettori del centrodestra. Tra i tre candidati della Lega nord, i più conosciuti e stimati sono risultati essere Attilio Schneck e Marino Finozzi, che sembrano tuttavia essere apprezzati più per la loro capacità come politici che per l'appartenenza al Carroccio.

Su questi due nomi dunque la Lega potrebbe giocarsi le sue carte alle prossime comunali, probabilmente sostenuta da Forza Italia Alto Vicentino per riuscire a raccogliere un consenso più ampio.

Qualche mese fa, Attilio Schneck aveva detto di non avere alcuna intenzione di tornare a sedersi sulla poltrona di Thiene, ma voci di corridoio sostengono che ora potrebbe aver cambiato idea. Nel frattempo, la candidatura del sindaco uscente Gianni Casarotto acquista giorno dopo giorno maggiore forza grazie all'appoggio ufficiale della lista civica “Casarotto sindaco”. A questo potrebbe presto aggiungersi anche il sostegno, probabile ma non ancora confermato, del Pd cittadino, che nell’Amministrazione comunale è rappresentato dall'assessore Andrea Zorzan, dal presidente del consiglio Bruno Binotto e dal consigliere Giampietro Marsetti, e dal gruppo “Progetto per Thiene” a cui appartengono l'assessore al bilancio Alberto Samperi e i consiglieri Giovanni Simonato e Dino Zerbo.

Alessandra Dall’Igna
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Comunali 2017: chi voteresti come sindaco di Thiene?
ok