CHIUDI
CHIUDI

04.02.2019

Calci e pugni
contro distributore
Via soldi e “bionde”

Il negozio tabaccheria "Al Pozzo" in via IV Novembre. FOTO CISCATO
Il negozio tabaccheria "Al Pozzo" in via IV Novembre. FOTO CISCATO

MARANO VICENTINO. Calci e pugni contro il distributore di sigarette per rubare tabacchi e contanti. Non avrebbero usato spranghe o piedi di porco i tre ladri che nella notte di venerdì hanno messo a segno un furto all'erogatore del bar tabaccheria Al Pozzo di via IV Novembre in centro a Marano Vicentino. Stando agli accertamenti effettuati dalla polizia locale del consorzio Alto Vicentino, il colpo sarebbe avvenuto alle 23.30: un gruppo di ragazzi - non è ancora stato accertato se i responsabili siano maggiorenni o minorenni - si sarebbe avvicinato al distributore con l'intento di rubare pacchetti di bionde e i soldi contenuti dalla cassa. In pochi minuti hanno furiosamente divelto il dispositivo d'erogazione, riuscendo a raggiungere il bottino. Un quarto giovane sarebbe quindi giunto in auto davanti alla tabaccheria per poi fuggire con gli autori della scorreria e la refurtiva.

 

«Forse pensavano che le telecamere posizionate sopra il distributore fossero finte e perciò hanno agito a volto scoperto: il sistema di di videosorveglianza è riuscito a immortalarli mentre stavano compiendo il furto. Ora le immagini registrate sono state consegnate alla polizia locale che ha immediatamente avviato le indagini», spiega Alessia Gamba, figlia del proprietario dell'attività, Tiziano Gamba. «In passato abbiamo subito un altro tentativo di scasso al distributore. Questa è la prima volta che i ladri riescono a mettere le mani su sigarette e contanti». Stando alle prime stime la conta dei danni, tra refurtiva e danneggiamenti al distributore, ammonterebbe a circa mille euro. Gli agenti del consorzio Alto Vicentino stanno indagando. 

MA.BI.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1