CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

13.09.2017

Carrè-Chiuppano
«Con la fusione
si salva la scuola»

Il folto pubblico presente l’altra sera all’incontro sulla fusione tra Carrè e Chiuppano. STUDIOSTELLA-CISCATOAl centro i sindaci Mattei di Carrè e Panozzo di Chiuppano. STELLA-CISCATO
Il folto pubblico presente l’altra sera all’incontro sulla fusione tra Carrè e Chiuppano. STUDIOSTELLA-CISCATOAl centro i sindaci Mattei di Carrè e Panozzo di Chiuppano. STELLA-CISCATO

«Dall'inizio dell'anno ci sono state solo 20 nascite nei due Comuni, 13 a Carrè e 7 a Chiuppano: la denatalità è preoccupante. Con la fusione uniremo anche la forze e le nostre due comunità, assieme in un unico Comune di 6.500 abitanti, avranno un peso maggiore rispetto a quello attuale». È uno dei dati riportati dal sindaco chiuppanese Giuseppe Panozzo e dal collega carradiense Davide Mattei durante la prima delle tre serate di presentazione pubblica del processo di fusione che a breve sarà ufficialmente avviato dai Consigli comunali. L’incontro si è tenuto nella tensostruttura tra il centro servizi e la scuola primaria chiuppanese. «Non vogliamo considerare solo il futuro immediato, ma immaginare la situazione di Carrè e Chiuppano fra 5 o 10 anni. Sicuramente il calo delle nascite è un dato da considerare, anche in correlazione al mantenimento delle strutture scolastiche - ha spiegato Mattei - È nostra responsabilità dare ai cittadini la possibilità di scegliere se unire o meno i due paesi». «Oltre alla denatalità c'è anche da valutare l'invecchiamento della popolazione: nel 2016 gli over 65 a Chiuppano erano il 23,2% dei cittadini, mentre a Carrè il 18,4% con la media provinciale che sfiora il 21% - ha aggiunto Panozzo - Abbiamo deciso di organizzare questo incontro per confrontarci su proposte e iniziative e rispondere a domande sulla fusione». Dal pubblico di circa cento persone non sono tardati ad arrivare gli interrogativi riguardanti i vantaggi della fusione dal punto di vista economico e amministrativo, ma anche quelli legati al nome del futuro Comune. «Con la fusione verrà eliminato circa il 70% dei doppioni di fatture e procedure burocratiche ora necessarie per i due enti - hanno spiegato i sindaci - Inoltre in dieci anni incasseremo tra i 6 e i 7 milioni di euro di contributi regionali e nazionali». Non sono mancati i riferimenti alla scissione del 1911 e le domande sugli eventuali “favoritismi” in caso di fusione. «Il processo non farà sparire la storia di Carrè e Chiuppano: restano le due identità che faranno parte di un unico contenitore amministrativo e burocratico. Le prossime Amministrazioni comunali molto probabilmente saranno formate da componenti tanto di Carrè quanto di Chiuppano».

Marco Billo
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Carrè e Chiuppano avviano la procedura per la fusione. Il nuovo ente potrebbe chiamarsi Colbregonza, vi convince questo nome?
ok