CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

02.11.2017

Più sollievo ai malati
con i lettori volontari

Con l'autunno riprendono le attività del gruppo di volontariato LaAV Breganze, attivo in paese da quattro anni e che si riunisce mensilmente nella biblioteca civica. I componenti, circa una trentina, prestano la loro voce per leggere in realtà locali che curano il disagio, la disabilità e la solitudine, cercando così di portare un po' di sollievo e di gioia alle persone ospitate.

Nello specifico, i volontari operano a “Casa Enrico” di Fara Vicentino, nella casa di riposo “Villa Sant'Angela” di Breganze, nel reparto oncologia dell'ospedale Alto Vicentino di Santorso, nella “Casa Gialla” di Santorso, all'Ipab “La Pieve” di Breganze, nella “Comunità Oasi” di Pianezze e nella casa circondariale “Lembo del Mantello”, sezione maschile di Vicenza e sezione femminile di Breganze. «Il progetto mira alla creazione di una rete solidale in tutto l’Alto Vicentino, puntando a far nascere e crescere circoli LaAV in ciascun paese della zona - dichiara la volontaria portavoce del gruppo Roberta Lievore - In questo modo, in pochi anni, sarà possibile realizzare una struttura indipendente e autogestita di persone che donano tempo per la salute degli altri».

Come spiegato da Lievore, leggere ad alta voce «è un atto d'amore e anche un momento di benessere, cultura e relazione». Oltre a questo tipo di attività, il gruppo breganzese LaAV organizza una serie di incontri con l'autore in biblioteca civica per far conoscere scrittori locali e nazionali, attraverso la lettura ad alta voce di brani tratti dai loro ultimi scritti.

Chi volesse entrare a far parte del gruppo può inviare una mail all’indirizzo laavbreganze@gmail.com.S.D.M.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1