CHIUDI
CHIUDI

01.03.2019

Le fioriere nella corte costano la condanna

La baruffa si trascinava da diversi anni, con denunce in serie. Il tribunale aveva riunito diversi procedimenti dando vita ad un unico processo che, per casi diversi, ma riuniti dalla stessa ipotesi di reato, vedeva per imputati Brunone Trentin, 81 anni, residente a Piovene in via Thiene; Giselda Angelina, 78, di Valli del Pasubio, via Gobbi; e, con una posizione marginale, Laura Trentin, 51 anni, di Torrebelvicino, via Prè Leonardo Longo. I tre imputati, difesi dagli avv. Calderaro e Pietribiasi, dovevano rispondere di omissione dolosa di un provvedimento del giudice. Il giudice Amedoro ha assolto gli imputati da diverse ipotesi di reato, condannando il solo Brunone Trentin a 1.500 euro di multa, oltre a 1.500 euro di risarcimento e a 1.300 euro di spese. I diversi fatti contestati erano avvenuti fra l’ottobre 2014 e l’agosto dell’anno successivo a Valli. Ancora nel 2007, il tribunale civile di Schio aveva condannato gli imputati a reintegrare Adriano Mantoan, pensionato originario di Valli ma oggi residente a Mestrino, nel possesso della corte comune, rimuovendo ogni ostacolo al transito delle sue auto in contrada Gobbi. E invece l’imputato vi lasciò le fioriere. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1