CHIUDI
CHIUDI

23.01.2019

Il nascituro sta
per soffocare
Salvo in extremis

Parte dell’equipe di ostetricia dell’ospedale di Santorso. FOTO STUDIO STELLA
Parte dell’equipe di ostetricia dell’ospedale di Santorso. FOTO STUDIO STELLA

SANTORSO. Fanno nascere un bimbo in sei minuti dall'allarme e gli salvano la vita. L'equipe del reparto di ostetricia dell'ospedale “Alto Vicentino” di Santorso guidata da Marcello Scollo, l'altro giorno, ha attaccato alla porta del reparto un fiocco azzurro che non potrà dimenticare facilmente. «Questi risultati si ottengono solo grazie al lavoro di squadra e alla presenza di ottimi professionisti».

 

A dare alla luce il piccolo una giovane 29enne della Val Leogra. Ad accorgersi della gravità della situazione l'ostetrica di turno che ha subito dato l'allarme. Gli accertamenti hanno evidenziato che si stava verificando una delle opzioni più pericolose per una gravidanza, il cosiddetto prolasso del funicolo. In parole povere, il cordone ombelicale era sul punto di “strangolare” il nascituro  impedendogli di ricevere sangue ed ossigeno. Senza un intervento d'urgenza, in questi casi l'esito è uno solo per il feto: la morte. E a lungo andare non sono escluse conseguenze per la mamma.

 

Ma, in questa storia, spazio per la tristezza non ce n'è. E questo perché se la chiamata dal reparto è stata registrata alle 7.50 di mattina, l'ora della nascita è stata fissata alle 7.56. Sei minuti in cui, con la corsa in codice rosso in sala operatoria, è stato effettuato un parto cesareo d'urgenza per far venire alla luce il piccolo. Ora, il piccolo resta ricoverato nel reparto di terapia intensiva neonatale ma sta bene, si alimenta e cresce di peso.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1