CHIUDI
CHIUDI

15.01.2019

Raggirati da truffa
del finto incidente
Nei guai un 29enne

Truffe ai danni di un'anziana (ARCHIVIO)
Truffe ai danni di un'anziana (ARCHIVIO)

SCHIO. Bussava alle porte delle vittime e fingeva di appartenere alle forze di polizia per ottenere denaro al fine di aiutare familiari che, raccontava il truffatore, avevano provocato incidenti gravi con l’auto. I carabinieri del Nor della Compagnia di Schio hanno denunciato, per truffa aggravata e sostituzione di persona, C.M., napoletano, 29 anni, riconosciuto da alcune delle vittime.

 

Lo scorso luglio alcuni cittadini del centro scledense erano stati vittime di una truffa commessa da una un uomo che in cambio di denaro offriva di aiutare familiari che avevano provocato incidenti stradali. Ovviamente i fatti erano completamente inventati, ma servivano a far leva sull’immediata preoccupazione delle vittime, nonché sulla fiducia riposta nei confronti del sedicente poliziotto o carabiniere che bussava alla porta raccontando tali fatti e offriva una soluzione veloce al problema.

 

Proprio nello stesso periodo i carabinieri erano riusciti a fermare C.M. Le indagini esperite nel periodo successivo hanno permesso di poter collegare l'uomo ad un’altra truffa commessa ai primi di luglio scorso ai di una pensionata di 72 anni; in quel caso il sedicente poliziotto si era fatto consegnare diversi monili d’oro dal valore di qualche migliaio di euro. Le indagini si sono rese necessarie in quanto non sempre era C.M. a bussare alla porta delle vittime, ma operava assieme ad un complice.

 

Gli accertamenti svolti dai militari, basati sulle analisi delle telefonate effettuate da C.M. col cellulare trovato al momento dell’identificazione, hanno permesso di dimostrare in maniera certa il suo coinvolgimento anche nella truffa della pensionata. Proseguono le indagini per individuare anche il complice.

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1