CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

10.11.2017

Il Comune paga le gite
agli studenti del paese

Il sindaco Andrea Cecchellero davanti al municipio. STUDIO STELLA
Il sindaco Andrea Cecchellero davanti al municipio. STUDIO STELLA

Il sindaco regala il trasporto scolastico, gite comprese. Unica condizione: essere posenate. Vivere a Posina è una scelta che può anche essere difficile. Il fascino della montagna, infatti, non sempre vince sulla comodità della valle ed il paese rischia di spopolarsi gradualmente perché alcuni residenti potrebbero decidere di spostarsi di qualche chilometro per essere più vicini al posto di lavoro o ai servizi, come per esempio le scuole. Ma può anche essere che chi vive in località più lontane dal centro del paese abbia difficoltà a raggiungere la scuola dell'infanzia o la primaria.

Ed è proprio sulle scuole che la giunta guidata da Andrea Cecchellero ha deciso di fare un investimento relativamente piccolo, se parametrato ad un bilancio comunale, ma significativo per non far sentire i posenati svantaggiati, anche solo rispetto a chi vive a poco più di dieci chilometri di distanza, quasi tutte curve, nel comune di Arsiero.

GITE. Il primo dato è che con una cifra vicina ai 15 mila euro, se un bambino frequenta l'asilo o l'elementare di Posina e utilizza il trasporto scolastico pubblico per raggiungerli, il servizio è pagato in toto dall'Amministrazione. C'è di più, perché dalle insegnanti è arrivata anche la richiesta di poter raggiungere anche altri luoghi, sempre con il trasporto scolastico. E, quindi, la giunta ha dato il via libera anche al pagamento dei trasporti per le gite. Non tutte, sia chiaro. «Credo che siamo gli unici a pagare tutto il trasporto scolastico agli studenti residenti – spiega il primo cittadino -. Le insegnanti ci hanno chiesto anche la disponibilità per le uscite scolastiche e, dopo aver fatto i conti, abbiamo dato la nostra disponibilità: in pratica paghiamo due gite di un giorno e quattro uscite per eventi sul territorio che, per esempio, possono essere le uscite a teatro. È un segnale anche politico che abbiamo voluto dare per rispondere concretamente al rischio spopolamento».

STUDENTI. Non solo: perché una agevolazione significativa l'ha anche chi frequenta le scuole medie ad Arsiero: tratta pagata. E per chi, invece, studia già alle superiori? Un aiuto non si nega ad alcuno studente posenate e, quindi, da Posina ad Arsiero il bus è pagato dal municipio. Insomma, la volontà è quella di agevolare il più possibile la vita alle famiglie degli studenti. Un'ultima iniziativa legata sempre allo scuolabus riguarda una studentessa di 15 anni che non può prenderlo perché è invalida al 100 per cento. Per la famiglia che ogni giorno fa 44 chilometri per portarla e ritirarla dalla scuola di Arsiero è stato deliberato un aiuto annuale di mille euro.

Karl Zilliken
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1

Sondaggio

Il 17 dicembre si voterà per la fusione dei comuni di Arsiero e Tonezza. Andrai a votare?
ok