CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

17.02.2017

Pedone travolto
da un'auto
È gravissimo

L’auto che ha travolto l’uomo davanti al Campo Romano
L’auto che ha travolto l’uomo davanti al Campo Romano

SCHIO. È in gravi condizione un uomo di 45 anni, M.R. originario del rodigino ma domiciliato a Schio, investito ieri sera intorno alle 20 davanti al centro commerciale “Campo Romano” in zona industriale.

Poco prima delle 20, l’uomo, secondo alcune testimonianze raccolte dalla polstrada di Schio, avrebbe attraversato via Lago di Trasimeno a una decina di metri dal passaggio pedonale e a ridosso di una fermata del bus. In quel momento dalla direzione di via Maestri del Lavoro verso viale dell’Industria, stava sopraggiungendo una Honda Frv condotta da B.B., del 1971, residente a Schio che all’improvviso s’è visto l’uomo davanti e nulla ha potuto per evitare l’impatto. Dai primi accertamenti sembra che la velocità dell’auto non fosse elevata ma nell’urto l’uomo è stato sbalzato a qualche metro di distanza dopo aver battuto la testa sul parabrezza dell’auto.

Le sue condizioni sono apparse subito gravi: dal vicino ospedale di Santorso è giunta l’auto medica. Gli uomini del Suem hanno provveduto a stabilizzare l’uomo che nel frattempo aveva perso conoscenza. Il pedone è stato trasportato in ospedale in codice rosso e sottoposto a tac per sospetto trauma cranico commotivo. A tarda serata le sue condizioni erano ancora critiche. Intanto gli uomini del sostituto commissario Franco Bertagnoli, dopo aver rilevato l’incidente, hanno raccolto testimonianze sull’accaduto. Qualcuno ha affermato che il quarantacinquenne da qualche minuto zizgzagava nel piazzale antistante il centro commerciale, come se fosse sotto effetto di alcol, e d’improvviso abbia attraversato la strada.

Avvisato dell’incidente, il magistrato di turno ha quindi disposto il sequestro dell’auto e affidato la custodia alla proprietaria.

Paolo Terragin
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato nella Privacy Policy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1