CHIUDI
CHIUDI

19.02.2019

«Strada killer a Molina Basta, siamo infuriati»

Traffico rallentato ieri mattina sulla provinciale di Molina.  K.Z.Uno dei tanti incidenti sulla Sp 48 Malo - Thiene
Traffico rallentato ieri mattina sulla provinciale di Molina. K.Z.Uno dei tanti incidenti sulla Sp 48 Malo - Thiene

Un nuovo incidente, il secondo in 48 ore, in un bilancio già lunghissimo ed il traffico del lunedì mattina va in tilt sulla strada Provinciale 48 da Malo a Molina. «È ora di fare qualcosa, così non si può andare avanti», il coro dei residenti e di chi ogni giorno usa il collegamento stradale. GLI SCHIANTI. Erano da poco passate le 7.30 di ieri quando una donna maladense di 45 anni a bordo della sua Jeep Renegade, per cause che sono al vaglio dei carabinieri della stazione di Malo intervenuti per i rilievi, all'altezza di via Vittorio Veneto, ha tamponato lo scuolabus in servizio che era fermo a bordo strada intento a caricare i bambini per poi trasportarli verso la vicina scuola elementare. Per fortuna, nessuno dei piccoli a bordo o l'autista sono rimasti feriti ma, inevitabilmente, la circolazione per oltre un'ora ha risentito di pesanti rallentamenti, in una fascia della giornata delicata. Una coda tanto più dura da sopportare su quello che, di fatto, è il collegamento più gettonato per raggiungere l'autostrada al casello di Thiene anche dai mezzi pesanti ed anche in considerazione del fatto che la viabilità circostante, su stradine strette, non è adeguata a sopportare un flusso così ampio di veicoli, tanto che dopo qualche minuto si sono verificati rallentamenti pure nelle laterali. Come ciliegina sulla torta, poi, a San Rocco c'è un ponte chiuso per verifiche strutturali. Insomma, una piccola odissea che, per qualcuno, ha voluto dire stare in coda per un'ora. Nella mattinata del sabato appena trascorso, poi, un ciclista 27enne di Malo era stato travolto dalla Fiat Uno di S.A., 81enne che usciva dalla laterale via Leogretta, poco distante dalla sua abitazione. Il ragazzo, rimasto ferito, se la caverà con qualche giorno di prognosi. L'APPELLO. «Limitatori di velocità, restringimento della carreggiata e arrivare, finalmente, alla pista ciclabile». Questa la ricetta per mettere in sicurezza la strada provinciale 48 di Moreno Marsetti che, oltre ad essere rimasto 45 minuti fermo nella sua auto, è anche un riferimento per la frazione nella giunta del sindaco Paola Lain e segretario locale del Carroccio. «I residenti hanno già avviato una raccolta firme per mettere in sicurezza la strada – spiega Marsetti-. Per il momento, siamo arrivati a circa 400 sottoscrizioni ma puntiamo ad averne molte di più per aumentare il peso della richiesta. Purtroppo, la strada è provinciale ed è quindi “Vi.Abilità” che si deve occupare della manutenzione». Nella petizione, avviata l'anno scorso e rivolta sia al Comune che alla provincia, si chiede proprio che «in considerazione i numerosi mezzi pesanti e i molti incidenti avvenuti negli anni, i molti veicoli, la scarsa illuminazione notturna e la carreggiata stretta bisogna dotare la provinciale di dissuasori e creare un percorso ciclopedonale adeguatamente illuminato». Dopo il rinnovo dei vertici provinciali, è possibile cambino anche quelli di Vi.Abilità con conseguente consegna della “patata bollente”. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Karl Zilliken
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1