CHIUDI
CHIUDI

22.02.2019

Polemica sul biglietto in attesa dei carri in gara

Il carro di Ca’ Trenta di Schio che ha sfilato l’anno scorso a Malo
Il carro di Ca’ Trenta di Schio che ha sfilato l’anno scorso a Malo

La prima sfilata del Carnevale maladense si avvicina e in attesa di vedere i carri della 95a edizione, arrivano i mugugni per il costo dell’ingresso. Quest’anno infatti è stato reintrodotto il biglietto di cinque euro per accedere alla manifestazione. Fino ai 14 anni l’entrata è gratuita, i più grandi dovranno munirsi del tagliando, che non è una novità ma una prassi consolidata fino a qualche edizione fa. Le perplessità non si sono fatte attendere, soprattutto da parte dei genitori i cui figli sfileranno durante il Carnevale e devono farsi carico anche delle spese per i costumi. C’è però anche chi difende questa decisione, ricordando che il costo del biglietto è di gran lunga inferiore rispetto a quello di altri carnevali della zona e che se è stato reintrodotto è per salvaguardare la qualità. È di questo avviso il presidente della Pro Malo, Fernando Zambon, che motiva così la decisione di reintrodurre il pagamento all’entrata, «In questa edizione ci sono cinque grandi carri e non due come l’anno scorso, non sarà una sfilata minore ma un vero spettacolo e quello che è stato realizzato è davvero bello e di qualità. Un Carnevale più grande ha anche costi maggiori, siamo passati dai circa 30 mila euro dell’anno scorso ai 60 mila di quest’anno e con spese così alte ci servono delle entrate. Tutti lavorano come volontari e nessuno intasca niente». Saranno cinque quindi i carri in concorso, che sfileranno alternandosi con i quattro gruppi minori, domenica dalle 14.30, preceduti dalle Majorettes e dalla Banda cittadina, nonché dall’immancabile carro “del Ciaci”. Sempre domenica, alle 18 nella sala polifunzionale di via Loggia, lo spettacolo proseguirà con l’esibizione comica di Antonio e Gilda Pegoraro, dal titolo “Uan men scioc, dai miei tempi ad oggi”. La domenica successiva, il 3 marzo, dopo la sfilata delle 14.30, in via Loggia alle 18, “I Sambei” presentano “Dighe de yes”, un adattamento in lingua veneta della commedia in tre atti di Loredana Cont. Martedì grasso, il 5 marzo, i carri sfileranno per la terza ed ultima volta ma la chiusura ufficiale del Carnevale sarà il 23 marzo alle 20.30, in sala consiliare. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Greta Dircetti
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1