CHIUDI
CHIUDI

17.01.2019

Un libro sugli emigrati silenziati in Brasile

Gli emigrati italiani zittiti in Brasile all’alba della Seconda Guerra Mondiale. Se ne parlerà questa sera, a partire dalle 20.30, nella sala polivalente di stradella del municipio grazie all’appuntamento organizzato dall’associazione “Ora Isola Vicentina”. L’autrice Catia Dal Molin, nata nello Stato brasiliano di Rio Grande do Sul ma già da qualche anno residente in Veneto, presenterà il suo libro “Ti tasi sempre, ti parli mai” assieme all’antropologa e storica dell’emigrazione italiana in Brasile, Maria Catarina Chitolina Zanini. Il libro narra le vicende degli emigrati italiani in Brasile sotto il governo di Getulio Vargas, quando, all’inizio della Seconda Guerra Mondiale, fu proibito agli emigrati italiani e ai loro discendenti, di parlare la lingua madre ritenuta strumento di propaganda del regime di Mussolini. Tra la fine dell’800 e gli albori del ’900 furono migliaia i veneti che si insediarono nel Brasile del sud, dove fondarono città quali Nova Bassano, Nova Venezia e Nova Treviso. Nell’organizzazione della serata è coinvolto anche il comitato per il gemellaggio tra il comune di Isola e quello di Marau, centro brasiliano del Rio Grande do Sul. • © RIPRODUZIONE RISERVATA

K.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1