CHIUDI
CHIUDI

24.10.2018

Torrente intasato Lavori tra un anno E scoppia la bufera

Il sindaco ha chiesto al Genio civile interventi urgenti per liberare l’alveo del torrente Giara.  ZILLIKEN
Il sindaco ha chiesto al Genio civile interventi urgenti per liberare l’alveo del torrente Giara. ZILLIKEN

«Lo stato d’abbandono del torrente Giara è pericoloso». Il sindaco di Isola chiede un intervento urgente al Genio civile prima della “stagione delle piogge” e scopre che il piano di bonifica c’è: un cantiere che metterà in sicurezza il suo paese ma anche Malo e Costabissara. Previsto a ottobre. Ma ottobre del prossimo anno. Un problema che ha indotto l’assessore regionale all’Ambiente Gianpaolo Bottacin ad intervenire su Facebook per placare il disappunto degli isolani che si era già scatenato sui social. GIARA. Le segnalazioni sulle condizioni dei torrenti Giara e Timonchio si erano moltiplicate sulla scrivania del sindaco Francesco Enrico Gonzo. convincendolo a scrivere al Genio civile, a metà settembre: «È una situazione fonte di particolare preoccupazione - si legge -. Gli alvei che si snodano nell’abitato sono ricoperti di folta vegetazione composta da erbe infestanti ed essenze arboree anche di alto fusto. In caso di precipitazioni eccezionali, come già successo negli ultimi autunni, potrebbero ostacolare il normale deflusso dell’acqua provocando potenziali esondazioni e allagamenti». Gonzo fa anche un preciso elenco dei punti più a rischio, il torrente Giara-Orolo che scorre negli abitati di Castelnovo ed Isola ed il Timonchio, ad est del territorio comunale e a nord della Sp 49 Capiterlina, anche a servizio di Villaverla. «Non abbiamo disponibilità e mezzi adeguati - chiude il sindaco - chiedo al Genio di intervenire urgentemente». Passano 20 giorni e, dopo un’altra sollecitazione via email, non c’è risposta. Quindi, quella che era una semplice «richiesta» di sistemazione degli alvei, il 5 ottobre diventa «urgente». A scrivere, questa volta, è Vilma Garello, responsabile del settore tecnico municipale: «Segnaliamo la situazione fonte di preoccupazione», le parole della funzionaria. Il testo ricalca quello già inviato solo che l’avverbio «urgentemente» è scritto in grassetto ed è sottolineato. RISPOSTA. Sarà la sottolineatura, fatto sta che la Regione risponde in dieci giorni. «L’unità organizzativa genio civile - scrive - sta redigendo un progetto per la manutenzione dei torrenti Livergon, Giara-Orolo e Timonchio dell’importo di 185 mila euro, volto principalmente al controllo della vegetazione. Il progetto sarà approvato e finanziato entro l’anno e i lavori prenderanno il via nel 2019». Il sindaco Gonzo ha deciso di spiegare come stessero le cose: «Perché ci vuole così tanto? - spiega, cercando di prevenire le polemiche-. Non c’è tempo burocratico per intervenire durante l’inverno e nella primavera 2019 nidificheranno molte specie faunistiche: tagliare gli alberi significa togliere loro la casa». Nella discussione nata dopo la comunicazione di Gonzo, molti cittadini si sarebbero aspettati un intervento anticipato. Allora l’assessore regionale Bottacin spiega: «Per evitare questi ritardi avevo approvato una legge regionale che consentiva di derogare sull’autorizzazione paesaggistica e sulla valutazione di incidenza ambientale. Purtroppo, il governo Renzi l’ha impugnata e la Corte costituzionale ha sentenziato che non è possibile derogare. Senza deroga, le sanzioni sono penali». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

Karl Zilliken
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1