CHIUDI
CHIUDI

06.01.2019

Ha chiuso l'ultimo
calzolaio, diviso
fra scarpe e palloni

Giacomo Rombo mostra uno degli scarponcini tenuti come ricordo
Giacomo Rombo mostra uno degli scarponcini tenuti come ricordo

ISOLA VICENTINA. Quella bottega, in via Leonardo da Vinci, di fronte alla farmacia di Castelnovo, è stata per 54 anni un punto di riferimento, non solo per chi aveva bisogno di riparare un paio di scarpe, ma anche per chi amava discutere di calcio. Il cuoio, nelle sue diverse funzioni, è stato infatti da sempre la passione di Giacomo Rombo, che a 74 anni, ha deciso di abbassare la serranda e andare in pensione, lasciando il paese non solo senza un calzolaio, ma anche senza una figura di riferimento, quale si è dimostrato in tutti questi anni. Gli ultimi giorni sono stati un via vai di persone: qualcuno voleva salutarlo, altri non volevano credere che avesse davvero deciso di chiudere. Qualcuno gli ha anche portato qualche paio di scarpe da riparare, in extremis. «Se dieci anni fa avessi trovato un bravo apprendista probabilmente sarebbe riuscito a “starci dentro” tornando a fare le cose a mano - ammette -. Ora, però, non avrei più voglia di mettermi a insegnare». Depositati gli attrezzi del mestiere, Rombo pensa di dedicarsi adesso all'altra passione, quella per il calcio, per il Lane e il Milan, e soprattutto ai suoi nipoti.

 

Karl Zilliken
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1