CHIUDI
CHIUDI

15.02.2019

Differenziata alle stelle «Tariffe congelate»

La differenziata ad Isola «è un successo e l’ecocentro è diventato un punto di aggregazione». Al terzo anno di sistema bimodale, il Comune di Francesco Enrico Gonzo, con l’assessorato all’ecologia di Nicolas Cazzola, ha confermato il “grande balzo in avanti” in tema di differenziata rimanendo stabile sull’80,9 per cento per il secondo anno consecutivo, partendo dal meno confortante 62 per cento del 2016. Un dato, certificato da Arpav, ancora più significativo se si prendono come parametro i numeri del 2004, quando la differenziata era al 52%. Come dire: se in dieci anni Isola è cresciuta del 10 per cento, salire di 20 punti percentuali in meno di tre anni è un trionfo. L’amministratore unico di Soraris, Roberto Blasich, spiega: «Questa costante di Isola rientra in un circolo virtuoso che riguarda pure la tariffa. Qui, nonostante le contingenze ed il mercato abbiano imposto un aumento di costi che porterebbe la tariffa su del 10 per cento ma noi siamo riusciti a limitare gli effetti esterni e, se nella maggior parte di casi i cittadini non avranno aumenti, per qualcuno ci potrebbe essere una diminuzione nel quadro delle tariffe di Soraris che sono tra le più basse. Per capire la differenza, nel 2016 gestivamo 1.200 tonnellate di rifiuto secco, mentre nel 2018 siamo scesi a 400 tonnellate». E il sistema “pay per use” che Isola ha introdotto per carta e vetro? «Per il momento – prosegue Blasich - si parla di numeri piuttosto limitati, con 315 strutture consegnate ed un rapporto di 2 a 1 tra carta e vetro». «Il risultato del sondaggio sulla soddisfazione dei clienti dimostra che chi ne fa parte non vuole uscire dal sistema pay per use – interviene il sindaco Gonzo -. Dobbiamo migliorare noi nella spiegazione della semplicità del servizio». L’ecocentro ha un’area aperta 24 ore e orari aumentati: 20 mila gli accessi nel 2018. «Il tema della sensibilità ambientale è centrale e vogliamo continuare su questa strada – concludono Gonzo e Cazzola -. C’è un sacrificio da fare per l’ecologia e ad Isola è nata e si è sviluppata una coscienza ambientale: ora i cittadini ci chiamano segnalando irregolarità e abbandoni». • © RIPRODUZIONE RISERVATA

K.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1