CHIUDI
CHIUDI
Seguici
Sezioni
Servizi
Cerca

22.12.2017

Gli propongono
una casa all'asta
Ma è una truffa

L'operazione si è svolta in sinergia tra carabinieri e finanzieri
L'operazione si è svolta in sinergia tra carabinieri e finanzieri

SCHIO. Gli propongono di acquistare un casa all'asta. Ma è una truffa. Nei giorni scorsi a Schio, i carabinieri e i finanzieri hanno eseguito un sequestro preventivo d’urgenza, disposto dal dott. Giovanni Parolin, sostituto procuratore e convalidato dal dott. Massimo Gerace, giudice per le indagini preliminari del tribunale di Vicenza. Il provvedimento è stato emesso in relazione ad una truffa compiuta ai danni di un cittadino italiano residente nell’Alto-vicentino che, prefigurando l’acquisto all’asta di un immobile (poi rivelatosi inesistente), aveva elargito ingenti somme di denaro ai tre soggetti indagati.

Nel corso delle indagini è stato ricostruito con chiarezza il comportamento criminale dei tre, due uomini, L.G. e P.A. di 59 e 50 anni, ed una donna, L.G. di 35 anni, tutti di origini siciliane e già noti alle forze dell’ordine per svariati precedenti. Questi, approfittando della relazione sentimentale tra la vittima e la donna, proponevano al malcapitato l’acquisto di un immobile a Caldogno, in realtà inesistente. I malviventi ottenevano così 70 mila euro in diverse tranches.

I militari dell’Arma e delle Fiamme gialle hanno quindi ricostruito tutta la vicenda grazie all’acquisizione della corrispondenza e all’analisi delle movimentazioni finanziari. E, simultaneamente all’esecuzione di perquisizioni locali, hanno sigillato anche tutti i conti correnti riconducibili agli indagati. Attraverso una ricostruzione dei movimenti bancari, è stata sequestrata anche una Renault Clio, acquistata pochi giorni dopo l’accredito di una delle tranches ed intestata fittiziamente ad un parente di uno degli indagati.

 

 

Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento richiede l’utilizzo di un “cookie di dominio” secondo quanto indicato in Informazioni sulla Privacy del sito; l’invio del commento costituisce pertanto consenso informato allo scarico del cookie sul terminale utilizzato.

pagine 1 di 1