CHIUDI
CHIUDI

06.03.2019

Bullizzata a scuola
La preside chiama
tutti i genitori

Ragazzina bullizzata a scuola
Ragazzina bullizzata a scuola

SCHIO. Una chat di gruppo su whatsapp creata dopo l'estate, tra studenti di diverse scuole della Val Leogra; una foto condivisa ed una serie di commenti perfidi sul peso e sul "fondoschiena" di una ragazzina dodicenne delle scuole medie che, tra l'altro, nemmeno era stata inserita in quella chat. Quando una delle sue compagne le ha fatto vedere quelle parole così cariche di cattiveria, il suo commento amaro è stato: «Perché nessuna di voi, che dovreste essere mie amiche, mi ha difeso?».  Così la ragazza ha preso il coraggio a due mani e, anche sfruttando la grande sensibilità della sua scuola e di tutti i referenti, preside, professori e personale Ata sul tema, ha bussato alla porta della dirigenza e si è sfogata senza paura. Non è stato complicato risalire a tutti i responsabili dell'atto di cyberbullismo, tra chi era registrato su whatsapp con nome e cognome e chi, invece, utilizzava un nickname facilmente riconoscibile. Nessuno di loro fa parte della scuola media che frequenta la bambina ma tutti gli altri dirigenti scolastici interessati sono stati allertati e hanno a loro volta attivato i consigli di classe che hanno preso i dovuti provvedimenti. 

K.Z.
Commenta

Partecipa. Inviaci i tuoi commenti

Attenzione: L'intervento non verrà pubblicato fino a quando il moderatore non lo avrà letto ed approvato. I commenti ritenuti inadatti o offensivi non saranno pubblicati.

Informativa privacy: L’invio di un commento può comportare il trattamento di dati personali: per maggiori informazioni sulle modalità di trattamento e l’esercizio dei diritti consultare le nostre Informazioni sulla Privacy e l’informativa estesa sui cookie presenti in calce al sito web.

pagine 1 di 1